Discoteche: a luglio con green pass e capienza modulata

L’incontro tra i vertici del Silb e il sottosegretario Costa potrebbe aver messo un punto fermo sull’affaire discoteche: ripartenza a luglio con green pass e capienza ridotta nei locali al chiuso.

Sì ripartenza a luglio per le discoteche, con green pass e con capienza ridotta all’interno.

Ecco quanto emerso dall’incontro tra il Silb e il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.

“Mentre il distanziamento non è una soluzione – ha in proposito precisato il sottosegretario – il green pass credo si possa applicare anche alle discoteche, differenziando tra locali al chiuso e all’aperto, tema sul quale i gestori sono aperti”

Su questa base, verrà ora stilato dai gestori il protocollo da sottoporre per una valutazione al Comitato tecnico scientifico, che  Costa si è impegnato a sollecitare personalmente perché fornisca quanto prima un riscontro.

E la mascherina? Probabilmente si dovrà mantenere, a parte quando si balla in pista.

Quanto al tracciamento e al controllo della trasmissione del virus, Costa ha dichiarato che è più facile controllare 100 ragazzi in un locale che fuori.

Inoltre  l’apertura a luglio garantirebbe un’ulteriore certezza: quella di avere anche un milione di vaccini somministrati in più “perché – spiega Costa – abbiamo davanti altri 21 giorni”.

Si è trattato di un incontro utile – ha commentato il sottosegretario– che ha apprezzato il fatto di essersi potuto confrontare  con “persone disponibili a condividere un percorso per la riapertura delle discoteche, nella consapevolezza che non può avvenire dall’oggi al domani ma deve essere graduale”.

Soddisfatti anche i vertici Silb per aver  “trovato un buon interlocutore che ha capito le nostre problematiche. Abbiamo condiviso un percorso che permetta di dare una risposta ad ad un comparto che non lavora da 16 mesi, garantendo la sicurezza e tutelando la salute”.