Discoteche, aperture incerte, ma indiscrezioni parlano di luglio

discoteche

E mentre dalla Francia sul mondo delle discoteche arrivano notizie a tinte fosche, in Italia regna l’incertezza. A parte qualche indiscrezione…

In Francia il destino delle discoteche sembrerebbe già scritto: come segnala Italia Oggi, infatti, non ci sarà alcuna riapertura di queste attività, neanche per chi possa esibire un pass vaccinale.

Un’estate 2021, dunque, fotocopia di quella 2020, con una categoria al palo.

Per quanto riguarda il nostro Paese, invece, regna sovrana l’incertezza. Il decreto dello scorso aprile, infatti, non fissa alcuna data di riapertura per discoteche e sale da ballo, nel documento si legge infatti: “[….] La norma conferma, inoltre, la sospensione
delle attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati”.

Nero su bianco dunque: attività ferme. Tuttavia – ed è qui che risiede un refolo di speranza – stando ad alcune indiscrezioni del Messaggero, pare potrebbe aprirsi uno spiraglio. Tutto da confermare, ovviamente.

I rumors ipotizzano un allargamento delle maglie che potrebbe vedere, da luglio, una riapertura delle discoteche. Ma solo per chi possa esibire il green pass. Naturalmente è tutto molto vago, ma il Governo potrebbe essere al lavoro su un aggiustamento delle regole relative a coprifuoco e ripresa di alcune attività ancora ferme, ovviamente prediligendo quelle che possano disporre di spazi all’aperto.