Gelato sospeso e network delle adesioni

Migliaia di condivisioni e contagio di tag e il gelato sospeso diviene sempre di più social e “fai da te”. Già i primi 100 anziani in casa di riposo hanno potuto gustare a Roma il piacere di un gelato donato. E tanti bimbi e famiglie attendono gioiosamente di assaporare il loro. Dalla Liguria alla Sardegna, dalla Lombardia alla Sicilia, 105 sono le gelaterie e bar che hanno aderito ufficialmente all’ iniziativa dell’Associazione Salvamamme che invita a lasciare “in sospeso” un gelato per i bambini con genitori pieni d’amore e con le tasche attualmente vuote.

mappa Italia ice cream“Ormai è un operazione sfuggita al nostro controllo, tale è stato il contagio positivo in tutta Italia, decine e decine sono le gelaterie ancora non censite di cui informalmente veniamo a conoscenza. E’ questo che volevamo, una rete di solidarietà che continua costantemente a viaggiare nei vari tag e hashtag sui social network”, ha commentato Maria Grazia Passeri, Presidente dell’Associazione Salvamamme. “Un consiglio: non aspettate di trovare una gelateria aderente nella vostra regione, stampate le locandine e proponetele personalmente alle gelaterie sotto casa vostra, basta davvero un click”.

Al termine della campagna, nel caso in cui fossero rimasti alcuni “gelati sospesi”, Salvamamme consiglia di non devolvere il denaro, ma di donare gelati alle case famiglie, case di riposo per anziani o piccole realtà in difficoltà, così che non si snaturi un progetto che è trasparente e disinteressato in ogni sua forma.

Salvamamme opera da oltre quindici anni intervenendo nei momenti cruciali dell’abbandono e della solitudine delle mamme e delle famiglie in condizioni di grave disagio socio-economico: gli ultimi tempi della gravidanza, i giorni difficili dopo il parto, l’interminabile primo anno della maternità, quando un momento di calore al primo incontro diventa un’ancora di salvezza e il corredino che la mamma riceve il primo passo di un lungo cammino. Ma subito dopo il supporto si estende all’ambito sanitario, psicologico, legale, logistico, pedagogico, formativo: l’incontro diventa sovente consuetudine, mamme assistite si fanno volontarie dell’Associazione. “Salvamamme” è un progetto unico: crediamo nella solidarietà come valore fondante della persona e anima dell’intervento immediato e concreto su quello che serve e quando serve. Un mondo dinamico: cresce ogni giorno stringendo a sé mamme e famiglie alla deriva. Le giornate sono a volte di ventiquattrore: come lasciare in strada e nella notte una mamma con il neonato o un bebè privo di tutto e a rischio di vita? La famiglia in lacrime perché l’ospedale non dimette il neonato senza la carrozzina; decine e decine di mamme fuori dalla porta ogni mattina, ognuna con il suo problema, ognuna con la sua richiesta: lacrime, rabbia, rassegnazione, solitudine…risposte in tempo reale…sorrisi di bimbi in sedi senza porte, dove tutto è accessibile a tutti e migliaia di cittadini sensibili e attenti depositano tonnellate di aiuti, ingestibili a volte.

Salvamamme-ice-Cream-Locandina-spiegazioneMonth