ristorante

15 Aprile 2024

Ristorazione green? In crescita nelle intenzioni (ma se poi c’è da pagare di più…)

di Anna Muzio


Ristorazione green? In crescita nelle intenzioni (ma se poi c’è da pagare di più…)


Sostenibili a tavola? Un desiderio comune. Anche tra gli utenti di TheFork, l’app per la prenotazione che gestisce 20mila ristoranti in tutta Italia. Di questi, 1133 segnalano la proposta di piatti biologici, 2217 di opzioni vegane e 7999 vegetariane, per un totale di 11349 locali che, in qualche modo, “ci provano”.

E forse fanno bene: secondo il sondaggio di TheFork infatti il 61% (era il 56% lo scorso anno) predilige ristoranti che dimostrano scelte più responsabili nei confronti del Pianeta e il 56% quelli guidati da una maggiore attenzione verso la salute propria e della Terra. Percentuali che scendono, però, al momento di mettere mano al portafogli: non tutti sono disposti ad accettare prezzi maggiori, solo il 41,1% trova che il costo dei ristoranti sostenibili sia simile a quello dei ristoranti tradizionali e meno di un terzo (28,5%) accetta di pagare un conto più alto.

COSA SIGNIFICA SOSTENIBILE (PER IL CLIENTE)

Ci si avvicina al cibo sostenibile tra l’altro per motivi diversi. Il 36,6% lo fa per questioni di salute, il 32,8% vuole supportare i ristoranti attenti all’ambiente, il 21,1% afferma di voler contribuire a ridurre il proprio impatto ambientale. 

Ma come si giudica un ristorante sostenibile? Il 56,5% va sul classico, citando l’utilizzo di ingredienti biologici, a Km 0 e di stagione. Solo il 6,4% cita i riconoscimenti che certificano l’impegno ambientale, come la Stella Verde Michelin. Non sfonda l’offerta della Doggy Bag per evitare lo spreco di cibo, ritenuta importante da un mero 4,6%.

Tra le altre caratteristiche, è interessante l’attenzione a che le porzioni siano congrue: né troppo piccole ma nemmeno eccessive. Valutati anche la riduzione degli sprechi all’interno della cucina, le attrezzature ad alta efficienza, il packaging riciclabile per asporto, le alternative plant based, la riduzione della carta e la formazione del personale.

Carlo Carollo, country manager Italia di TheForkCarlo Carollo, country manager Italia di TheFork

IN FUTURO CARBON FOOTPRINT PER OGNI PIATTO?

E The Fork cosa ne pensa della sostenibilità? “Noi siamo una piattaforma che deve fare da medium tra domanda e offerta di ristorazione, il nostro ruolo minimo è verificare come cambiano i trend e le sensibilità – ci ha detto Carlo Carollo, country manager Italia -. Ciò non toglie che oltre a fare informazione cominceremo anche a esprimere un punto di vista sul fatto che sia assolutamente auspicabile una transazione gentile verso una ristorazione che abbia un’attenzione ai temi del carbon footprint, della sostenibilità delle filiere, temi che sono importanti per tutti noi e lo saranno sempre più.

Il sogno finale è di poter rendere noto il carbon footprint dei piatti che vengono offerti dai ristoranti sulla nostra piattaforma: ci cominceremo a lavorare, non abbiamo ancora un orizzonte temporale ma è un nuovo punto di approdo per noi”.

TAG: THEFORK,CARLO CAROLLO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Apre oggi pomeriggio a Napoli, in piena Galleria Umberto I, Mondadori MA Bookstore & Mondadori Caffè Kremoso. L'appuntamento con la new-entry della...

17/05/2024

C'è un nuovo premium gin nel portfolio Mercanti di Spirits, Crespo Luna Rosa – Strawberry & Rose, un prodotto senza coloranti, senza aromi artificiali e con poche calorie, imbottigliato...

17/05/2024

A prima vista Kevin Kos sembra un giovane ufficiale austriaco della Vienna primo Novecento. Alto, biondo, gli occhi chiari coi i baffi arricciati all’insù. Siamo in una saletta riservata del Drink...

A cura di Sapo Matteucci

17/05/2024

Giampiero Pacchiano, Cris Sola del Kadavè. Sono loro i vincitori dei Barback Games 2024, quest’anno al Roma Bar Show. I due ragazzi da Sant’Anastasia (NA)...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top