A Singapore Timbrè sostituisce i camerieri con i droni

Quella annunciata da Timbrè di Singapore promette di essere una piccola rivoluzione nel mondo della ristorazione. Nei locali del Gruppo asiatico sono stati infatti assunti come camerieri otto speciali droni in grado di trasportare ai tavoli fino a 2 kg tra bevande e vivande. Come dire un ordine composto da una pizza, birra e due bicchieri di vino.

Realizzati dalla compagnia Infinium Robotics, i droni possono muoversi autonomamente tra i tavoli dei ristoranti, senza bisogno di un pilota. Sono insomma in grado di volare dalla cucina al tavolo, servendo le pietanze ai clienti grazie a sensori anti-collisioni e videocamere incorporate.

I piccoli velivoli, che entreranno in servizio entro la fine dell’anno, non andranno però a sostituire lo staff in carne ed ossa, che grazie al loro aiuto potrà meglio dedicarsi al servizio al bancone o alla presa degli ordini. I robot, infatti, saranno solo di supporto, anche se il brand è convinto che potranno fornire un rilevante contributo, riuscendo a servire fino a 7mila persone.

L’importante investimento stanziato dalla catena per l’iniziativa è stato reso possibile anche grazie alle attuali facilitazioni fiscali messe a disposizione dal Governo di Singapore che al momento offre fino al 60% di rimborsi sugli investimenti nei settori IT e automazione.