bevande

07 Ottobre 2022

Nel nome del sakè: apre Waby, Giappone rivisitato

di Anna Muzio


Nel nome del sakè: apre Waby, Giappone rivisitato

Primo: non deve essere per forza caldo, anzi può essere servito freddo o a temperatura ambiente. In calice anziché in tazzine di ceramica, perché le sue sfumature sono diverse come quelle del vino.

Il sakè, poco frequentato simbolo della cultura giapponese, assume nuove e sorprendenti forme: come abbiamo scoperto da Waby Restaurant, ristorante nipponico con una interessante selezione di sakè: una trentina tra bottiglie classiche e magnum, costruita con la consulenza del sommelier Bartolomeo Bellarmino. Provenienti da diverse Prefetture del Giappone, possono essere abbinati a tutto pasto: dagli aromatici ai più secchi, da bere a temperatura ambiente e adatti ad accompagnare la robata (tecnica di cucina giapponese a carbone), fino ai frizzanti fermentati in bottiglia con metodo champenoise.

[caption id="attachment_214215" align="alignleft" width="300"] Matteo Zhu, WABY Restaurant[/caption]

In particolare tra le proposte in carta inserite nell’autunno c’è Sa Kèn, un sakè metodo classico, spumantizzato in purezza in Franciacorta da una cuvée di sakè giapponesi selezionati accuratamente, dalla bella sapidità e freschezza con note di funghi freschi e mandorle che lo rendono adatto all’abbinamento con la cucina giapponese, il pesce crudo, le pietanze condite con soia.

Delicato, fresco al palato con note floreali e straordinariamente trasparente è invece il Junmai Ginjo – Azuma Yamagata, ottenuto da riso Dewanosato, della regione Yamagata.  Lo Shirayuki Edo Genshu, infine, è un sake invecchiato, adatto al fine pasto e all’abbinamento con il dessert ma che ha esaltato al meglio gli spiedini di funghi shiitake. Fatto secondo una ricetta tradizionale, ha il colore ambrato tipico dell’invecchiamento nei Taru, caratteristici fusti di legno, e presenta note di tabacco, cacao, cuoio e cioccolato.

Bellezza imperfetta

WABY Restaurant (Wabi-sabi in giapponese significa “bellezza imperfetta”, quella del Fiore di Loto che, stilizzato, è il logo del ristorante), nasce da un’idea di Matteo Zhu nato a Biella, classe 1996, di una famiglia originaria dello Zhejiang dedita all’attività di import- export e alla ristorazione.

[caption id="attachment_214217" align="alignright" width="300"] Robata[/caption]

L’intero progetto del ristorante è firmato da Maurizio Lai, architetto, scenografo e designer, e si svolge su tre sale: una principale con affaccio interno sul banco sushi sopraelevato ed esterno su strada; una sala mediana con tavolo privé e una saletta laterale che può essere chiusa e divenire privata: una tendenza, quella del privé, presente in tantissime nuove realizzazioni.Mentre la formula del pranzo d’affari prevede diverse eleganti Bento Box, la sera in menù troviamo una proposta a base nipponica ma anche una cottura particolare come la Robata (nome abbreviato di robatayaki), che significa “focolare” ovvero la tecnica di cucina giapponese a carbone: una tradizione popolare e di provincia, qui proposto nelle versioni di carne pregiata (anche Wagyu) e di pesce (astice) ma anche nella versione vegetariana autunnale (funghi shitake, mirin e salsa wafu).

TAG: SAKE,WABY RESTAURANT,BARTOLOMEO BELLARMINO,MATTEO ZHU

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Meno del 10% delle imprese italiane della ristorazione utilizza un sistema di ordini e pagamenti integrato a supporto del proprio business. L'obiettivo è ridurre tempi di attesa e...

12/07/2024

Obiettivo whisk(e)y, o whisky. Comunque lo vogliate chiamare sarà lui il protagonista del Bar Convent Berlin 2024, la manifestazione in programma nella capitale tedesca dal 14 al 16 ottobre...

11/07/2024

I consumi di vino negli Stati Uniti stentano a ripartire: il saldo tendenziale dei primi cinque mesi del 2024 basato sugli ordini dei magazzini da parte di Horeca e grande distribuzione segna un -8%...

11/07/2024

Il Pulp & Purple di Omar Vesentini, proprietario dell’Hemingway Cocktail Bar di Como, è il miglior signature cocktail della quinta edizione della Como Lake Cocktail Week. Il bartender ha...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top