La grande storia di Amaro Lucano arriva in libreria

“Cosa vuoi di più dalla vita?”, alzi la mano chi non ha provato a rispondere istintivamente “Un Lucano!”. L’associazione tra la domanda delle domande e la risposta che indica la semplicità e la “straordinaria normalità” della quotidianità nasce da un celebre spot televisivo di Amaro Lucano.

A trent’anni dal lancio di quel famoso claim, Francesco Vena, proprietario di Lucano 1894, ed Emiliano Maria Cappuccitti, HR Director di Coca-Cola HBC Italia, ripercorrono la storia di un’Italia “dal bicchiere mezzo pieno”, nel libro edito da Rubbettino, appena lanciato in libreria e in ebook dal titolo “Cosa vuoi di più dalla vita. Amaro Lucano: storia di un’Italia dal bicchiere mezzo pieno”.

Il libro arricchisce di una nuova storia d’impresa la collana “La bellezza dell’impresa” diretta da Adriano Moraglio e Florindo Rubbettino, un progetto editoriale ambizioso che mira a far conoscere ai lettori, attraverso libri scritti con il ritmo e lo stile di un romanzo, le più interessanti vicende imprenditoriali del nostro Paese.

Il libro di Vena e Cappuccitti è un viaggio tra passato e presente, con aneddoti divertenti e continui flashback, che narra delle origini del celebre Amaro Lucano e della storia di una famiglia lucana, la famiglia Vena, diventata una delle più importanti realtà aziendali nella produzione e commercializzazione di liquori. Da biscottificio locale che distillava “anche” amari e cordiali a brand di spirits tra i più noti e affermati a livello internazionale.

Questo libro costruisce, inevitabilmente, anche una cavalcata nella storia dell’Italia del Novecento e del nostro Sud. È un’avvincente storia di impresa, una tessera significativa di quel grande mosaico noto come “Made in Italy”, fatto di tante storie e di tanti saperi che non di rado partono proprio da zone apparentemente marginali del Paese. Una vicenda, questa di Amaro Lucano, che il libro di Vena e Cappuccitti racconta – non a caso – in un momento di sfiducia e paura nel futuro.

“‘Cosa vuoi di più dalla vita?’ – racconta Francesco Vena, Ceo di Lucano 1894 – è una domanda che ci siamo posti spesso, soprattutto durante questa pandemia che ha modificato gli equilibri mondiali finora in atto. Questo libro vuole essere un contributo per ripensare a un nuovo modo di vivere la realtà, un inno alla lucanità, ma soprattutto all’italianità e al suo patrimonio di conoscenze, bellezze e costumi perché, dalle storie imprenditoriali del passato e domandandoci anche oggi che cosa davvero vogliamo dalla vita, quali sono le nostre responsabilità e il nostro ruolo come imprenditori italiani, si origini un vento di ripartenza con quello stesso impeto e quella stessa resilienza che rendono gli italiani così unici. Un viaggio memorabile al termine del quale avere voglia di vivere l’Italia e avvertire un orgoglio che non è riuscita a sopire neppure una pandemia mondiale”.

“È un manifesto dell’Italia che verrà – aggiunge Emiliano Cappuccitti, coautore del libro e HR Director di Coca Cola Italia –. Ci troverete dentro parecchi tasselli importanti: quelli del volto migliore del nostro Paese, delle ambizioni, certo, ma anche e soprattutto di quel genio, tutto italiano, che prende forma nel voler mettere mano non alle cose semplici, che quello lo sanno fare tutti, ma a quelle migliori, difficili e, come tali, degne di tutto il nostro talento”.

Una ventata di ottimismo, quanto mai necessaria in questo periodo di fatica e ripartenza.