pubblici esercizi

03 Gennaio 2022

Capodanno, in Lombardia le discoteche chiuse hanno perso 120 milioni


Capodanno, in Lombardia le discoteche chiuse hanno perso 120 milioni

Porte chiuse per il secondo anno di fila nelle discoteche lombarde, e di tutta Italia. Ad andare in fumo, dicono le ultime stime, sono stati circa 120 milioni di euro sugli 800 milioni totali circa che produce il comparto in un anno.

Con il paradosso che, mentre le restrizioni hanno colpito le sale da ballo e le feste in piazza, c’è chi, in tutta Italia, si è riorganizzato con feste private nelle case e dj set nei ristoranti. “A un titolare conviene depositare la propria licenza di discoteca e aprire un ristorante”, ha sottolineato a questo proposito Roberto Cominardi, presidente di Silb Fipe Milano, in un'intervista ad Agenzia Nova.

Un fenomeno che ha preso piede fin fin dalle prime riaperture di aprile 2021, quando diversi imprenditori hanno depositato la Scia (Segnalazione certificata di inizio attività ndr.) dell’intrattenimento e sottoscritto quella di bar e ristorante. “Il Covid è stato la nostra nemesi per eccellenza – ha aggiunto Cominardi -. In due anni abbiamo avuto delle finestre di aperture veramente risicate, di pochi mesi e sempre con forti restrizioni, non ultima quella in vigore con il 50 per cento della capienza. Un impatto devastante per l’economia dei locali”.

Intanto sono state circa 400 le discoteche in Lombardia che sono state costrette ad annullare le serate già organizzate per Capodanno. A rischio sono adesso 40mila posti di lavoro, ma "molti locali sono talmente disperati che stanno tirando dritto nonostante il ddl".

Ma non è tutto, ha sottolineato Cominardi. "La pandemia ha impresso un profondo cambiamento anche all’afflusso di persone: sono praticamente scomparse le serate infrasettimanali, una volta traino per tutta la città di Milano. Le serate con maggiore capienza sono ora concentrate nel weekend o, al massimo, il giovedì. La pandemia non ha costretto le discoteche a reinventarsi per sfuggire alle maglie delle restrizioni, sono bar e ristoranti che stanno diventando discoteche e vengono esclusi dai nuovi decreti promulgati: non fanno altro che inserire dj set e ballare”.

E' una situazione che provoca due risvolti, uno sanitario e uno economico. “Dal punto di vista sanitario si rischia un incremento del tasso di trasmissione, da quello economico, il governo è andato ad agire su una categoria in ginocchio da quasi due anni e che è stata al centro di numerose azioni restrittive. La mia previsione è che fino alla fine dello stato di emergenza, sperando rimanga il 31 marzo, ho ben poche speranze nel vedere una ripartenza delle discoteche”, ha concluso il presidente di Silb Fipe Milano.

TAG: CAFFè DIEMME,SILB-FIPE,ROBERTO COMINARDI,SILB FIPE MILANO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/05/2024

Per il terzo anno consecutivo Warsteiner sarà la birra ufficiale del festival La Prima Estate, in calendario dal 14 al 16 e dal 21 al 23 giugno al Parco BussolaDomani di Lido di Camaiore....

22/05/2024

Là dove c’era un pub e prima un ristorante messicano e prima ancora un negozio di moto (uno di questi giorni si dovrà raccontare la storia travagliata di certi locali delle zone trendy milanesi),...

A cura di Anna Muzio

22/05/2024

Per rispondere alla crescente richiesta di ingredienti regionali nei cibi e nelle bevande, Sanbittèr crea due nuove referenze ispirate ai tipici sapori di Sicilia e Liguria, Ispirazione...

22/05/2024

Sarà interamente dedicato alla cucina sostenibile l'evento targato Rational, in calendario il 19 giugno e organizzato in collaborazione con Cooking Room Milano e Lesto Group. L'appuntamento...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top