Sospensione cartelle, provvedimento d’urgenza entro il 30 giugno 

Nel provvedimento anche il rifinanziamento della nuova Sabatini con parte dei risparmi del primo Dl Sostegni. 

 

In attesa che il Parlamento approvi gli emendamenti per la conversione in legge del Decreto Sostegni bis, due misure potrebbero essere anticipate con un provvedimento d’urgenza da parte del governo entro il 30 giugno. 

 

Innanzitutto la sospensione dei versamenti fiscali in scadenza al 30 giugno fino al 31 agosto. Le trasmissioni ripartiranno, ma in modalità scaglionata per almeno tutto il 2022. Il rinvio si applicherà ai soggetti Isa (indici sintetici di affidabilità fiscale). 

Nel provvedimento d’urgenza dovrebbe trovare spazio anche il rifinanziamento della legge Sabatini, per un importo totale di 691 mln di euro finanziato con i risparmi del primo Dl Sostegni (2,1 milioni). 

Il provvedimento diventerà poi un emendamento al decreto Sostegni 2 ancora all’esame della commissione bilancio della camera dove convergono le richieste di modifica dei gruppi parlamentari.