bevande

27 Ottobre 2021

Ristorazione: 5 chef diventano ambasciatori del Made in Italy nel mondo

di Elena Consonni


Ristorazione: 5 chef diventano ambasciatori del Made in Italy nel mondo

Valorizzare la ristorazione italiana all’estero. E' l'obiettivo del progetto che Fipe-Confcommercio, ICE e alcuni grandi chef che fanno parte dell’associazione Le Soste, hanno presentato ad Host2021. Punto di partenza, i dati presentati da Luciano Sbraga, direttore ufficio studi Fipe – Confcommercio, su circa 60.000 ristoranti italiani nel mondo sono 2.218 quelli certificati, che garantiscono l’utilizzo di materie prime italiane in ricette fedeli alla tradizione, serviti in locali che rispettano lo stile italiano.

Proprio per questo, l'iniziativa ha l’obiettivo di raccontare come i grandi protagonisti della cucina trasformano prodotti agroalimentari di eccellenza espressione del territorio in cui sono nati. Una scelta fatta anche da Claudio Sadler, uno degli chef testimonial dell’iniziativa, insieme ad altri grandi nomi come Massimiliano Alajmo, Silvia Baracchi, Herbert Inner e Giuseppe Santoro, che parteciperanno a eventi e fiere di settore e realizzeranno video che verranno diffusi durante la settimana della cucina italiana nel mondo. I mercati interessati dal progetto sono Francia, Stati Uniti, Germania, Russia, Regno Unito.

“Ogni cucina rafforza l’immagine del proprio Paese nel mondo. Ecco perché c’è una rincorsa a fare riconoscere le cucine nazionali come patrimonio UNESCO. Il progetto con ICE va in questa direzione, attraverso iniziative in Italia e all’estero”, ha raccontato Lino Enrico Stoppani, presidente Fipe-Confcommercio, che ha sottolineato l’importanza della ristorazione nel valorizzare le produzioni agroalimentari italiane all’estero.

Ma c'è di più, perchè secondo Roberto Luongo, direttore generale di Agenzia ICE, il sistema riconosce poco l’importanza della ristorazione come stimolo all'export. “Avendo lavorato in diversi mercati – ha precisato – mi sono reso conto di come la potenzialità dei ristoranti italiani nel promuovere i nostri prodotti sia ancora inespressa. Non a caso il Made in Italy negli USA è esploso dopo l’arrivo dei primi ristoranti italiani”.

TAG: MARCO BERETTA,CLAUDIO SADLER,MASSIMILIANO ALAJMO,SILVIA BARACCHI,HERBERT INNER,GIUSEPPE SANTORO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/07/2024

A poche settimane da Sorsi D'Azzurro, dedicata agli Europei di Calcio, un panel di bartender riuniti da Anthology by Mavolo ha ideato “Mixolimpica”, una drinklist composta da cinque...

23/07/2024

In occasione dell'estate Belvedere Vodka, la vodka polacca prodotta e distribuita da LVMH a base di segale dal profilo aromatico speziato con note di pepe, si rifà il look attraverso la Summer...

23/07/2024

Ricercare il perfetto connubio fra qualità, sostenibilità e tracciabilità nella filiera del caffè: resta questa la missione di Alberto Polojac, reduce da una nuova esperienza in Rwanda che...

23/07/2024

Note di vaniglia e mango, modulate in modo diverso a seconda dell’estrazione. Un metodo di lavorazione particolare, dovuto da una doppia fermentazione anaerobica durante la fase di lavaggio che...

A cura di Anna Muzio

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top