Pane e cultura. Bar, libreria, Internet: con Knulp Trieste si rinnova

    Un bar, una libreria, un Internet point, uno spazio espositivo, tutto all’interno di un unico locale, situato a due passi dai luoghi di interesse storico di Trieste. Questo è Knulp: un punto d’incontro, di scambio, d’arte e di poesia, di lettura e informazione, ma anche di scoperta e degustazione, emblema di una Trieste che affonda le sue radici nella cultura mitteleuropea (il nome è tratto da un racconto di Herman Hesse) ma che allo stesso tempo è ansiosa di rinnovarsi.knulp2

    E se Trieste è la città del San Marco e di altri caffè storici, il Knulp, ben più giovane, può però a sua volta andare fiero della sua “anzianità”, che lo pone fra i primi e più longevi esperimenti di “caffè letterari” di ultima generazione. Risale infatti al 21 marzo 2003 l’apertura di Knulp, e non erano in molti a scommettere su una vita così lunga. E invece gli anni sono già dodici. Anni intensi, in cui fra le mura del Knulp sono stati organizzati un centinaio di concerti, quasi 150 mostre di pittura e fotografia, più di cento proiezioni di film poco trasmessi nelle sale tradizionali e dalle televisioni, nonché una miriade di incontri su temi sociali, politici, scientifici, storici, religiosi e tanto altro.

    E’ stato un luogo di incontro, un momento di pausa per il viaggiatore, un’aula di studio per lo studente sotto esame, il posto dove il lettore curioso vuole cercare un libro introvabile da altre parti, la base dove comunicare comodamente con mezzi elettronici e reti wireless. Knulp ha cercato di mutare il punto di vista che generalmente si ha quando si pensa a un pubblico esercizio e, con fatica, dopo più di dieci anni di attività, può dire che in qualche maniera ce l’ha fatta.

    Il bar propone una scelta di snack dolci e salati, di vini, birre, bibite, tè, tisane, caffè e cioccolate. Gran parte dei prodotti proviene dal commercio equo-solidale. Un piccolo spazio è riservato alla vendita di questi prodotti confezionati. Comodi divani caratterizzano alcuni angoli del bar dove ci si può fermare per attimi di sano ristoro.

    La libreria Knulp è specializzata in testi di musica e di cinema. Più di duemila titoli riempiono gli scaffali che spesso fanno da cornice ad eventi culturali. Biografie, saggi, dizionari ci raccontano di musica rock, di jazz, di musica classica, di attori, di registi, di tecniche cinematografiche, di filmografie, di discografie e tanto altro.

    Sei postazioni fisse ed una rete wi-fi fanno del Knulp uno dei pochi internet point che si possono trovare a Trieste, soprattutto nel centro storico. Possibilità di navigazione, di accesso alla posta elettronica, di utilizzo di chat, di collegamento a periferiche digitali (drive-pen, macchine digitali ecc.), nel rispetto delle norme vigenti sugli internet point, sono a disposizione di chi volesse usufruirne.

    Knulp

    Via Madonna del Mare 7/A, Trieste

    http://knulp.org/

     

    PANE E CULTURA

    Una rubrica di Giuliano Pavone

    A chi dice che con la cultura non si mangia rispondiamo proponendo settimanalmente un’esperienza che mette in relazione in modo profittevole e innovativo il mondo della cultura e dello spettacolo da un lato e quello del pubblico esercizio dall’altro. Format, eventi, libri e personaggi per cibare il corpo e la mente. 

    Pane e cultura. Ex Forno Bologna: dal pane all’arte moderna

    Pane e cultura. Rotonda Bistro Milano: per bambini da 3 a 93 anni

    Pane e cultura. Gambrinus Napoli: la storia è qui

    Pane e cultura. Triennale Milano: mostra e terrazza aperte sull’Expo

    Pane e cultura. mcafé Genova: mastica l’arte, medita sul cibo

    Pane e cultura. Memo caffè Fano: il bio in mediateca

    Pane e cultura. Per un trancio di libri: una microlibreria a L’Orablù

    Pane e cultura. Teatro Orfeo Taranto: caffè e cultura nel foyer

    Pane e cultura. Trieste, la città dei caffè

    Pane e cultura. San Marco Trieste: alle origini del caffè letterario

    Pane e cultura. Eataly e librerie.coop convivono a Bologna

    Pane e cultura. Enoteca Letteraria Roma: libro e vino, storia comune

    Pane e cultura. Fourquette Foggia: quando il tipico è atipico

    Pane e cultura. Sugar Queen Napoli: il cake design diventa un libro

    Pane e cultura. Panecotto Matera: pane è cultura!

    Pane e cultura. Cucina calibro noir: buone letture e buona tavola

    Pane e cultura. Calib: caffè + libreria = valorizzare la Puglia

    Pane e cultura. Medieval: il GastroPub “storico” in Salento

    Pane e cultura. Sloan Square: l’Inglese si impara al pub

    Pane e cultura. Pizza per autodidatti: confessioni di un pizzaiolo

    Pane e cultura. Le Libragioni: vino, arte, libri

    Pane e cultura. Eataly e Vergnano al Museo del Cinema di Torino

    Pane e cultura. Terzo tempo Verona: vino e sport sono un bel connubio

    Pane e cultura. Adua Villa firma un romanzo rosé

    Pane e cultura. “In grazia di Dio”: il film a Km 0 gira il mondo

    Pane e cultura. Piccolo Teatro, grande servizio

    Pane e cultura. L’hamburger gourmet diventa un libro 

    Pane e cultura. Feltrinelli RED: se l’ibridazione diventa community

    Pane e cultura. Giufà Roma: in equilibrio fra libri e caffè

    Pane e cultura. Cyrano Alghero: libri, vino, svago

    Pane e cultura. Un Food Film Festival a Sud di Milano

    Pane e cultura. Cibo, e non solo, per la mente

    Pane e cultura. Anche gli angeli… mangiano cannoli!

    Pane e cultura. Macondo Bologna: l’arte di incontrarsi

    Pane e cultura. Liberrima: cibo e cultura all’ombra del Barocco

    Pane e cultura. La Cité: libri, musica, arte, caffè

    Pane e cultura. Orwell Manduria: quando il pub diventa letterario

    Pane e cultura. Enoteca letterario Badlands: socialità e passione

    Pane e cultura. Nea: arte (e bistrot) tutte le ore

    Pane e cultura. Cucina narrativa, showcooking e saperi tradizionali

    Pane e cultura. Musica e dintorni: birra artigianale e territorio