Locali notturni, a Palermo proseguono i controlli

I controlli a Palermo stanno andando oltre alle zone della Vucciria, di piazza Magione, della Cala, di Ballarò e di piazza Marina. Hanno da giorni toccato i Candelai e piazza Sant’Onofrio. Effettuati da Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco e Asp, i controlli nel capoluogo siciliano coinvolgono diversi locali, poi sequestrati e multati perché non rispettosi delle regole. La situazione della vita notturna palermitana è particolare. Nonostante le verifiche, i disagi continuano e a farne le spese sono anche i residenti.

Nel corso delle verifiche degli ultimi mesi sono stati sequestrati anche 5 strumenti per la filodiffusione e 21 attrezzature per la preparazione di cibi, tra cui griglie, bruciatori, bombole a gas e generatori, 287 pezzi tra bicchieri e posate e 162 elementi di arredamento esterno come tavoli, gazebo, sedie, e ancora frigo, banconi espositori e diverse pedane. Il piano di sorveglianza è stata eseguito nell’ambito dei controlli integrati del territorio, in collaborazione con la polizia municipale, Asl e altre forze dell’ordine, nel tentativo di placare le proteste.

Info su www.comune.palermo.it