Horeca, eventi, bar e piscine: via ai contributi dal 22 novembre

La misura, introdotta dal decreto “Sostegni-bis”, prevede lo stanziamento di 40 milioni di euro per il 2022 che saranno ripartiti, secondo la modalità fissata dal decreto interministeriale del 19 agosto 2022, nella misura del 70% a tutti i richiedenti che presenteranno istanza, per il 20% alle imprese con ricavi superiori a 400mila euro e per il 10% a quelle con ricavi superiori a 1 milione di euro.

Tra i requisiti di accesso è necessario che le imprese abbiano subito nel 2021 una riduzione dei ricavi non inferiore al 40% rispetto a quelli del 2019. Per le imprese costituite nel 2020, invece, il meccanismo di quantificazione del danno è differente e terrà conto della riduzione del fatturato mensile del 2020 confrontato con quello del 2021.

I codici della delle attività economiche interessate sono:

  • 56.10 – Ristoranti e attività di ristorazione mobile;
  • 56.21 – Fornitura di pasti preparati (catering per eventi);
  • 56.30 – Bar e altri esercizi simili senza cucina;
  • 93.11.2 – Gestione di piscine;
  • 96.09.05 – Organizzazione di feste e cerimonie.

I termini e le modalità di presentazione della modalità di presentazione delle domande sono indicate nel provvedimento pubblicato dall’Agenzia delle entrate.

Il contributo sarà accreditato direttamente sul conto corrente indicato dal beneficiario nell’istanza.