Gourmet Skisafari, in Alta Badia otto chef vanno in quota

Il 4 dicembre in Alta Badia è stata inaugurata la stagione sciistica 2015/2016 e per il 13 dicembre è in programma il lancio ufficiale della stagione culinaria sulle piste con il Gourmet Skisafari. Il delizioso evento porta ormai da diversi anni la cucina stellata a quota 2000 m, nei rifugi ai piedi delle vette delle Dolomiti. Per l’edizione 2015, otto chef stellati – quattro provenienti dal Sud Tirolo e quattro da altrettante regioni del Sud Italia – incanteranno gli sciatori in otto rifugi in quota, raggiungibili con gli sci ai piedi, proponendo golosi piatti ideati secondo le antiche tradizioni della loro terra. Ci sarà naturalmente la possibilità di conoscere personalmente gli chef e di farsi raccontare la storia del loro piatto e chissà, magari anche di farsi svelare qualche segreto del mestiere.

Ecco la “mappa” dei diversi rifugi, degli chef e dei menù che presenteranno: Col Alt, Corvara, Norbert Niederkofler, zuppa di vino con crostini alle erbe, salmerino marinato su bruschetta di patate; Piz Arlara, Corvara: Matteo Metullio, tortello al caprino su purè di rape rosse, arachidi e ragout di maialino da latte; Ütia Bamby, La Villa, Nicola Laera, tagliatelle di puccia alla genovese di manzo del proprio maso, con veli di ricotta pugliese stagionata in grotta; Ütia Pic Pré, San Cassiano, Chris Oberhammer, orzotto del molino di Villabassa con maialino nostrano e maggiorana; I Tablá, San Cassiano, Angelo Sabatelli, spaghetti aglio, olio, peperoncino e capesante con salsa di marasciuolo (rapa selvatica); Ütia de Bioch, San Cassiano, Alois Vanlangenaeker, linguine al limone con cozze, bottarga e pane croccante di Agerola; Las Vegas, San Cassiano, Filippo La Mantia, pasta con il broccolo in tegame; Club Moritzino, Piz La, Nino di Costanzo, uovo, porcini, frisella e taleggio di bufalae degli chef. Il biglietto per accedere ai rifugi costa 40 euro e vale per quattro creazioni gourmet, vini inclusi, dalle 11 alle 15.30.