Fly me to the moon la canzone di Frank Sinatra diventa un drink

Fly me to the moon è un signature del cocktail bar del Rada di Positano. Uno drink a base di prosecco, Italicus, orange bitter e sorbetto al limone home made. Fresco, leggero, estivo

Giada Greco, bartender del Fly Longe Bar di Positano, ci mostra come preparare il Fly me to the moon. Guarda il video!

Fly me to the moon, la ricetta
Tecnica:
Stir and Strain
Bicchiere:
Coppetta cocktail
Ingredienti:
3 cl di Italicus
2 dash di orange bitter
ghiaccio
Top di prosecco
sorbetto home made di limone
Decorazione:
zest di limone
fiori eduli

Fly me to the moon, la canzone. Da Nat King Cole a Frank Sinatra
Un po’ di storia musicale. Kaye Ballard interpreta il brano per la prima volta nel 1954. Due anni dopo è la volta di Portia Nelson. Sempre nel 1956  Johnny Mathis registra la canzone e per la prima volta le dà il titolo di Fly me to the moon. Nel 1961 tocca a Nat King Cole e nel 1962 arriva una versione strumentale dal titolo Fly Me to the Moon – Bossa Nova da Joe Harnell. Ma è Frank Sinatra nel 1964 a rendere celebre ovunque Fly me to the moon.

Il testo

Let me play among the stars
Let me see what spring is like on
A-Jupiter and Mars
In other words, hold my hand
In other words, baby, kiss me
Fill my heart with song and let me sing forevermore
You are all I long for
All I worship and adore
In other words, please be true
In other words, I love you
Fill my heart with song
Let me sing forevermore
You are all I long for, all I worship and adore
In other words, please be true
In other words
In other words
I love you