Come ti localizzo il gioco pubblico

Si è partiti con le videolottery, lo scorso 1° luglio, ma l’obiettivo dichiarato dell’applicativo Smart – acronimo di: “Statistiche, monitoraggio, analisi, della raccolta territoriale” – realizzato da Sogei per l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e messo a disposizione degli Enti locali, è stato sempre quello di estenderne presto la portata a tutti gli altri giochi. Ed è quello che è appena avvenuto.
Ma andiamo per ordine. Tutto nasce dall’emanazione della legge di Bilancio 2019, con la quale il legislatore ha imposto ai Monopoli di mettere a disposizione degli enti la registrazione degli effettivi orari di funzionamento degli apparecchi Vlt a partire dal 1° luglio del 2019, tra le “Misure di prevenzione del disturbo da gioco d’azzardo”, anche “Al fine di rendere effettive le norme degli enti locali che disciplinano l’orario di funzionamento degli apparecchi (…), ovvero di monitorarne il rispetto e di irrogare le relative sanzioni”.
Un compito subito svolto dall’amministrazione che a luglio ha attivato l’applicativo presentandolo insieme all’Anci, l’associazione dei comuni italiani e mettendo a disposizione degli enti locali una guida specifica per il suo utilizzo. L’app ministeriale, in particolare, consente l’accesso alle informazioni sul gioco fisico con particolare riferimento: ai dati dei volumi di gioco in formato tabellare, a livello nazionale, provinciale, regionale e comunale, suddivisi per tipologia di gioco; ai dati relativi alla numerosità degli apparecchi e dei punti vendita del gioco fisico in forma tabellare, divisi per tipologia, a livello nazionale, provinciale, regionale e comunale; agli indici statistici in formato cartografico per mezzo di rappresentazioni a mappe di calore; ai dati in elenco soggetti per sale Vlt e i dati disponibili per sale Bingo e punti scommesse. Gli Enti locali che desiderano l’accesso all’applicativo devono presentare apposita istanza, per poi essere abilitati all’utilizzo del sistema.
In realtà, a più di sette mesi dalla sua messa disposizione, sono ancora pochissimi i comuni che hanno iniziato ad usare l’applicativo: oltre alla Capitale, che ha accompagnato la sua iscrizione al sistema con un proclama in pompa magna da parte del sindaco Virginia Raggi in persona, delineano la propria strategia sul controllo del gioco d’azzardo, sono ancora pochi i territori dove viene utilizzato. Ma nonostante questo, i Monopoli sono già passati alla fase successiva, mettendo a disposizione degli enti anche i dati relativi agli altri giochi.
Oltre al monitoraggio e all’analisi della raccolta e degli orari di funzionamento delle Vlt, l’app comprende ora un database su tutti i giochi, Lotto, Superenalotto e lotterie compresi, e dati “per l’intero anno 2019, anche se provvisori e in attesa di consolidamento”. Oltre ad aver aperto il sistema anche alle Regioni. Ciò significa, pertanto, che ogni pubblico esercizio che ospita al suo interno un qualunque prodotto di gioco legale – che si tratti di lotterie o giochi numerici – sarà ora censito dal sistema informatico dell’amministrazione. Quindi, anche quei bar che non hanno slot ma sono provvisti di una ricevitoria. E tutti gli enti locali potranno averne traccia, in qualunque momento, accedendo direttamente dai propri computer. Per una totale trasparenza e tracciabilità della rete.

GiocoNews e il quotidiano online GiocoNews.it rappresentano il network di riferimento per l’industria del gioco pubblico. Il prodotto cartaceo, distribuito in tutte le aziende del settore in Italia e nei principali centri di gioco italiani e dei territori limitrofi, è lo strumento di approfondimento delle più importati tematiche di business, politica, economia, ma anche di costume, società e life style. L’ultimo nato nella famiglia di GiocoNews è il quotidiano del giocatore www.GiocoNewsPlayer.it dove puoi trovare anche il localizzatore degli ambienti di gioco!