Guida Identità Golose, Birra Moretti premia Diego Rossi

Torna a raccontare, per il decimo anno consecutivo, il meglio della ristorazione internazionale la Guida ai ristoranti d’autore in Italia e nel mondo 2017 di Identità Golose. Una guida online, interattiva e in continuo aggiornamento che mette a disposizione dei più critici gourmand dettagliate recensioni che, di anno in anno, premiano coloro che portano in tavola le eccellenze della cucina italiana e internazionale, con un occhio di riguardo per i giovani e ambiziosi talenti. E sono proprio le stelle emergenti quelle cercate e valorizzate da Birra Moretti, partner di Identità Golose dal 2008, che in occasione della presentazione dell’edizione 2017 della Guida, conferisce a Diego Rossi, chef di Trippa Milano, il Premio Birra in Cucina, il riconoscimento dedicato agli chef che hanno saputo proporre un utilizzo innovativo della birra in abbinamento ai piatti e come ingrediente.

premiazione-diego-rossi_premio-birra-in-cuina-bm_guida-identita-goloseClasse 1985, veronese trapiantato a Milano, Diego Rossi è il co-titolare di Trippa – “la nuova trattoria di altri tempi“ – che offre ai suoi clienti l’occasione di sentirsi a casa, assaporando la cucina tradizionale di una volta in un ambiente rustico. Filo conduttore della cucina di Diego sono l’attenzione per i cibi poveri, per le erbe spontanee e per le verdure dimenticate e la minuziosa ricerca di materie prime semplici, rigorosamente di stagione. Diego fa del rispetto e della valorizzazione del prodotto i suoi dogmi e della sensibilizzazione e sperimentazione sugli ingredienti la sua missione. Non a caso, la rivisitazione di quelli che oggi sono considerati dai più cibi di scarto, gli è valsa una stella Michelin al fianco di Juri Chiatti a Le Antiche Contrade a Cuneo.

“Con Birra Moretti abbiamo portato avanti, dal 2007, un lungo lavoro di valorizzazione della cultura della birra a tavola per far scoprire agli italiani quanto questo abbinamento sia in grado di dare risalto sia ai piatti della nostra tradizione gastronomica sia ai piatti di alta cucina. Oggi continuiamo questo percorso attraverso la Fondazione Birra Moretti che vede nei giovani talenti della cucina una risorsa importante per l’intero comparto. È anche grazie a loro, a tutti quelli che hanno condiviso con noi questo progetto se, oggi, la birra a tavola è sempre più una consuetudine per gli italiani”, spiega Alfredo Pratolongo, direttore Comunicazione e Affari Istituzionali di Heineken Italia.

I locali recensiti dalla Guida di Identità Golose sono 786 totali, di cui 545 schede italiane e 241 straniere; 283 hanno ottenuto il logo del boccale per essersi distinti per un utilizzo innovativo della birra in cucina e per avere un’interessante carta della birra in abbinamento ai piatti. Novità di quest’anno, nella guida sono segnalati con il logo Birra Moretti anche i locali che hanno in carta le birre della famiglia.