Applausi ai campioni di latte art e coffee in good spirits

La macchina espresso a un gruppo Mina, con la sua estetica piacevole e lineare, la cloche e una nuova tecnologia esclusive e brevettata, ha richiamato l’attenzione dei numerosi visitatori in visita al padiglione A1 di Sigep a Riminifera. Chi ama personalizzare il proprio caffè e ottenere in tazza il profilo desiderato ha potuto controllare ogni fase dell’estrazione grazie alla tecnologia brevettata DFR (Digital Flow Regulation) che permette di gestire elettronicamente con la massima precisione il flusso dell’acqua attraverso il movimento della cloche. Prestazioni che si ripetono nel segno dell’eccellenza quando la macchina è impostata in modalità automatica.

Accanto alle due macchine a disposizione del pubblico, una terza posta su un’apposita cassettiera ha cambiato spesso “vestito” (i pannelli laterali e quello posteriore) mostrando alcune delle numerose finiture molto belle e ricercate con cui Mina può essere personalizzata.

matarangolo_latte artSul fronte opposto dello stand, un altro polo di attrazione molto vitale ha ruotato attorno a una evo2 Blackboard alla quale si sono alternati workshop e contest. Molti baristi si sono avvicinati alla latte art sotto la guida di trainer esperti quali Simone Guidi e Andrea Matarangolo. Da parte sua, Victor Delpierre, campione del mondo 2013 di Coffee in goodspirits ha guidato alcuni operatori nella realizzazione di drink a base caffè. Le preparazioni in latte art sono state pubblicate sulla pagina Facebook di Dalla Corte e avranno tempo fino all’8 Febbraio per ricevere il maggior numero di like: ai vincitori un training di latte art con il pluricampione italiano Andrea Antonelli presso la sede milanese di Dalla Corte in via Candiani. Tante le firme e i decori disegnati sulla “lavagna” di questa macchina che permette di esprimersi e di comunicare in tutta libertà.

Domenica 24 gennaio con le prove di Art Bar, lunedì 25 con l’eliminatoria e la finale italiana di Latte Art e martedì 26 con il Coffee in GoodSpirits, di cui Dalla Corte è sponsor ufficiale, sono state protagoniste nell’area dei Campionati italiani baristi al pad. D1 le macchine dc pro della serie Industrial Titanium.

Le competizioni sono state molto accese grazie a concorrenti preparati che hanno saputo unire al meglio creatività e professionalità. Il palco ha accolto una dimostrazione di miscelazione con il caffè protagonista realizzata da Victor Delpierre, molto seguita.

La latte art ha visto vincitore Giuseppe Fiorini titolare dell’Insolito Cafè di Siracusa. Timido ma determinato, è autodidatta: lo hanno guidato le esperienze e le preparazioni di tanti baristi presentate su internet, sulle quali ha fatto esperienza al banco bar, affinando con pazienza la tecnica. Giuseppe si è qualificato alla selezione di Siracusa presso l’evento “Coffee Show Latte Art”, organizzato da Gaetano Bongiovanni, da anni una tappa fissa delle semifinali di categoria.

Davide Berti_campione CIGSPrimo nella Coffee e goodspirits un barista navigato qual è Davide Berti. Navigato per la sua lunga esperienza e perché si è presentato al banco della competizione in veste di pescatore alle prese con un capitano che non vuole che sulla barca si bevano alcolici. Di qui l’idea di creare un gin tonic particolare che unisce gin e acqua tonica “mascherati” da un caffè Etiopia Nekisse estratto col coldbrew. La semplicità ha vinto.

Ai due campioni rimangono meno di due mesi di preparazione in vista delle finali mondiali in programma dal 29 marzo all’1 aprile a Shanghai, Cina nell’ambito di Hotelex.

www.dallacorte.com