Ancap, eclettismo tra classico e moderno

È stata presentata ufficialmente ad Host la nuova forma Vivaldi, firmata dal noto designer Itamar Harari, una forma ascrivibile ad uno stile eclettico in cui si fondono, con equilibrio ed eleganza, lineamenti classici e moderni. Il concept che ha indirizzato lo sviluppo della serie Vivaldi nasce dall’intento di ideare una famiglia di articoli che sappiano rispettare le usanze e tendenze contemporanee. Per la collezione è stato scelto non a caso il nome del grande Vivaldi, esimio maestro della scuola barocca italiana, la cui cifra stilistica risiede nei forti contrasti sonori e nelle armonie semplici e suggestive. Così com’è d’ispirazione barocca il rilievo.

ancap vivaldi«Lo studio della forma – dichiara Harari – ha avuto origine da un motivo ‘canonico’ barocco reso essenziale e minimale fino ad ottenere un decoro attuale. Il motivo scelto sa in tal modo suscitare un’esperienza originale collocando le linee sinuose e serpentine del decoro all’interno del perimetro dell’oggetto in porcellana». Con la sua distintiva brillantezza, la porcellana di altissima qualità Ancap si è prestata ad esaltare al meglio l’elegante motivo dando origine ad una collezione di articoli 100% italiani di grande pregio ed eleganza.

Ancap ha partecipato alla più importante fiera internazionale dedicata all’ospitalità con uno stand presso il SIC – Salone Internazionale del Caffè. Data la rilevanza della rassegna dedicata alla torrefazione, il lancio della forma Vivaldi è stato legato al momento della degustazione del caffè svolto in una cornice multimediale che ha coinvolto i visitatori dello stand in un’esperienza pluri-sensoriale del tutto inedita. Presso lo spazio dedicato sono state presentate le tazze: caffè classica, caffè XL, cappuccino classica, cappuccino XL con relativi piatti, nella versione bianco puro e nella versione Millecolori. Per i colorati, gli articoli sono stati proposti nelle tonalità Arancione, Giallo Crema, Verde Ottanio e Blu Reale; la particolarissima forma ha dato origine a inediti giochi di colore tra le sezioni create dal motivo in rilievo.

Itamar Harari
Nasce nel 1960 a Tel-Aviv, Israele. Nel 1989, consegue la laurea in architettura presso l’Università degli Studi di Firenze. Dopo importanti collaborazioni con noti designer, nel 1992 apre uno studio a Milano in cui si occupa di architettura, interni, design, allestimenti e consulenze. Nel corso della sua attività multidisciplinare propone nuove suggestioni e soluzioni attraverso un punto di vista personale particolare, eclettico e ironico, rendendo la tecnologia applicata alla creatività piacevole, comunicativa e possibilmente emozionante. Collabora con rilevanti imprese italiane e internazionali operanti in settori diversi. Partecipa inoltre a mostre di design, grafica e fotografia e interviene su riviste specializzate in Italia, Spagna, Cina, Israele, Russia.