Anbc Fipe: “Bene i 60 milioni di contributi, ma non bastano”

Una boccata d’ossigeno frutto di un lavoro condiviso con il Mise. Ma bisogna fare di più, “ancora una volta, insieme”. Lo dice Paolo Capurro, presidente di Anbc, dopo la notizia che sono in arrivo 60 milioni di euro di contributi a fondo perduto per le imprese del settore eventi – wedding, intrattenimento e Horeca – duramente colpite dall’emergenza Covid. 

Le imprese del catering e della ristorazione legata a matrimoni e ed eventi da due anni sono letteralmente impossibilitate a lavorare. Ecco perché i 60 milioni di euro di contributi a fondo perduto deliberati dal Ministero dello Sviluppo economico rappresentano una boccata d’ossigeno tanto preziosa quanto attesa. Da mesi lavoriamo insieme al ministro Giorgetti e ai tecnici del Mise per raggiungere questo obiettivo e, finalmente, la buona notizia è arrivata”, ha sottolineato il presidente dell’Associazione nazionale Banqueting e Catering aderente a Fipe-Confcommercio.

Questi 60 milioni sono necessari a coprire una parte delle perdite accumulate nel 2020, quando i fatturati delle imprese del settore sono crollati mediamente dell’85%. Ma anche il 2021 è stato un anno di sacrifici e in queste ultime settimane la ripresa dei contagi ha determinato per il solo mese di dicembre l’annullamento di eventi per 300 milioni su 500 complessivi e a catena una progressiva reazione di cancellazione degli eventi in carico al 2022, linfa vitale per le nostre attività“, ha concluso Capurro.