Amazon Counter: la voce di chi ha già aderito 

Il bar tabacchi Roby, punto di vendita Sisal-Pay in Corso Indipendenza a Milano, è tra i primi esercizi ad avere aderito al progetto di Amazon. «Abbiamo deciso di attivare Counter nel nostro locale – spiega il titolare Roberto Leuci – perché siamo sicuri soddisferà un’esigenza molto sentita dai nostri clienti. Occorre infatti considerare che non tutti i palazzi dispongono di portineria, né tutti coloro che ordinano attraverso la piattaforma possono garantire la presenza in casa al momento delle consegne. Pensiamo inoltre ci aiuterà ad attrarre nuovi avventori. Sarà però importante continuare a spingere sulla leva della comunicazione, che finora ha potuto contare sulla locandina e sulla vetrofania fornite dall’azienda, sul passaparola e sulla cassa di risonanza assicurata dai nostri canali social. I primi risultati sono comunque già più che incoraggianti: a pochi giorni dall’attivazione, abbiamo dato seguito a 5 consegne.

COME FUNZIONA IL SERVIZIO
Dopo aver completato l’ordine su Amazon.it, i clienti possono procedere al pagamento e selezionare il punto di ritiro Counter più comodo in base alle loro esigenze. Non appena l’ordine viene consegnato presso il punto di ritiro selezionato, i clienti ricevono una mail di notifica con un codice a barre univoco oltre all’indirizzo e agli orari di apertura del punto di vendita. Da quel momento, avranno quattordici giorni di tempo per ritirare l’ordine. Una volta giunti in negozio, i clienti mostreranno il codice a barre ricevuto al personale del negozio che lo scansionerà e provvederà alla consegna del pacco. Il servizio è disponibile per milioni di prodotti in vendita su Amazon.it. Unico limite: i pacchi non potranno eccedere i 20 Kg di peso e il metro e mezzo di lunghezza. La consegna sarà attivabile nel caso di spedizioni standard, sia in quello di delivery con consegna in un giorno. I clienti Prime possono usufruire del servizio senza costi aggiuntivi.

Amazon, la consegna passa dai bar