Il nuovo finger food da aperitivo? Usa la pasta 3D

La prima linea al mondo di pasta finger food è stata lanciata da BluRhapsody, start up di Barilla da anni dedita ad audaci sperimentazioni con la tecnologia. La novità è stata presentata da Exit a Milano.

C’è un modo innovativo, ma anche semplice e sicuramente d’impatto, e pure sostenibile, per realizzare finger food all’ora dell’aperitivo: la propone BluRhapsody, la start-up di Barilla nota per la rivoluzionaria pasta fresca stampata 3D, che ha lanciato la prima pasta 3D essiccata per finger-food. 
Disponibile in tre formati – a forma di stella, cestino e cuore – consente di realizzare monoporzioni scenografiche e facilmente gestibili, che è poi l’asso nella manica del finger food: si prendono con due dita e si mettono in bocca. Senza piatti o poco sostenibiliciotole e posate di plastica.

L’alimento bandiera della cucina italiana, la pasta, viene così rielaborato secondo una nuova visione resa possibile dalla tecnologia della stampa 3D. 
Ecco nascere Cube, Cupid, Sky, il bicchierino quadrato, il cuore tridimensionale e la spettacolare stella venduti in una box-scrigno con cassetto che contiene un vassoio di 12 pezzi (sul sito blurhapsody.com e a Milano anche su cosaporto.it).

La novità è stata presentata da Exit Pastificio Urbano a Milano con sei ricette messe a punto dalla giovane cheffe Arianna Consiglio e proposte in pairing con un cocktail o un bicchiere di vino. Le ricette elaborate comprendevano come “ripieni” della monoporzione di pasta Cupid zucchine alla scapece e caprino o con ceci e cozze, Cube con vitello tonnato o gambero e mandorle e Sky con parmigiana di melanzane o salsiccia di Bra, parmigiano e nocciole e sono disponibili insieme ad altre al link