ricerche

17 Dicembre 2021

Feat Food protagonista di un nuovo round di investimento da 1,5 milioni di euro

di DALLE AZIENDE


Feat Food protagonista di un nuovo round di investimento da 1,5 milioni di euro

Feat Food, la startup che consegna al domicilio la dieta personalizzata, è stata protagonista di un round di investimento da 1,5 milioni di euro. La società, fondata nel 2015 da Andrea Lippolis, oggi 29 anni, aveva già raccolto circa 2 milioni di euro tra investimenti e finanziamenti e, con la nuova iniezione di capitale, si pone obiettivi ambiziosi quali nuove assunzioni, la creazione di un nuovo stabilimento di produzione, l'apertura al mercato estero e l'ottimizzazione delle funzionalità della piattaforma digitale.

Il funzionamento di Feat Food si basa, infatti, su algoritmi di Machine Learning per creare piatti pronti personalizzati e bilanciati che vengono studiati, nelle loro combinazioni di alimenti e di grammature, in base alle caratteristiche fisiche e degli obiettivi di forma di ogni utente. Altra caratteristica del servizio, è l'elevato grado di personalizzazione della dieta, che può essere sempre modificata o sospesa dall'utente, anche sulla base di consigli dai nutrizionisti a disposizione. I piatti sono poi prodotti nello stabilimento di produzione di Feat Food, conservati in atmosfera protettiva, che permette di mantenere le proprietà nutritive degli alimenti per 10 giorni, e consegnati in tutta Italia.

Tra coloro che in passato avevano dato fiducia al progetto di Andrea Lippolis e che oggi sono soci ci sono anche Amadori e Riso Gallo, che forniscono anche alcune delle materie prime come il pollo 100% italiano allevato all’aperto senza l’utilizzo di antibiotici e il riso proveniente da risaie italiane; ora agli investitori si aggiungono il Fondo Rilancio Startup di CDP Venture Capital SGR, Massimo Ferro (CFO & Corporate Strategy Nestlé Italia), Marco Di Dio (MD Jakala Spa), Fabio Pietro Degli Esposti (Marketing Group Director Nestlé Purina EMENA) e altri investitori privati nel settore Food & Tech. Alla fine dello scorso anno, inoltre, la startup ha riscosso il favore anche dei privati, chiudendo in overfunding una campagna di equity crowdfunding, che ha raccolto oltre 150.000 euro.

Nel 2020 Feat Food ha consegnato al domicilio degli italiani 50.000 mila pasti, per un totale di 200.000 nei suoi primi sei anni di vita e ha chiuso l'anno con +240% di clienti (pari a 2.000 nuovi abbonati alla sua piattaforma) e un fatturato triplicato rispetto al 2019. Il 2021 è continuato su questa scia con una crescita attestata al +300%.

"Gli investimenti raccolti ci serviranno per raggiungere diversi obiettivi che ci siamo prefissati e che, oltre a migliorie tecniche per rendere più flessibile la nostra piattaforma incrementando l’offerta di servizi innovativi per i nostri clienti, prevedono l'ampliamento del team, raddoppiato in poco più di un anno e arrivato a 30 persone. La cucina da 500 mq dove ci siamo trasferiti nei primi mesi del 2021 con una capacità di 2.000 pasti al giorno, infatti, non è più in grado di soddisfare le richieste dei clienti - afferma Andrea Lippolis, founder e CEO di Feat Food. Abbiamo infine in programma di esportare il nostro modello di business anche oltre i confini nazionali, continuando ad innovare il settore della nutrizione personalizzata".

TAG: APP,INVESTIMENTI,STARTUP,FOOD DELIVERY,FEAT FOOD,ANDREA LIPPOLIS,FOODTECH

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/04/2024

Drink con il vino (e lo champagne) tra gli ingredienti base: come hanno rilevato numerose survey è questa una delle principali tendenze del 2024 della mixology internazionale sulla cui scia...

15/04/2024

Sostenibili a tavola? Un desiderio comune. Anche tra gli utenti di TheFork, l’app per la prenotazione che gestisce 20mila ristoranti in tutta Italia. Di questi, 1133 segnalano la proposta di piatti...

A cura di Anna Muzio

15/04/2024

Raddoppio a Milano per La Esse Romagnola: al ristorante di via Tortona ora si aggiunge la nuova apertura nel quartiere Isola, in via Ugo Bassi 14, ai piedi di "Primo", il building di 8.500 metri a...

15/04/2024

Italia senza vino? Quali sarebbe le conseguenze perla nostra economia? E ancora: in che misura gli allarmismi europei stanno danneggiando il comparto? Ad analizzare l'impatto in caso di un'ipotetica...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top