Simei-Enovitis 2013: confermata la leadership

Anche l’edizione 2013, appena conclusasi a Fiera Milano Rho, conferma leadership internazionale di Simei-Enovitis (http://www.simei.it/; www.enovitis.it), il più importante appuntamento biennale dedicato alle macchine per l’enologia e all’imbottigliamento. Cinque giorni intensi di formazione e informazione caratterizzati da numerosi incontri di aggiornamento per gli operatori del comparto enologico internazionale che hanno riscosso un grande successo di pubblico: solo il Convegno Internazionale, evento clou della manifestazione, ha visto oltre 3.500 preregistrati.

Significativa e in crescita la presenza di operatori e buyer stranieri venuti da tutti i continenti: il 70% dall’Europa, l’11% dall’America, il 14% dall’Asia, il 3% dall’Africa, il 2% dall’Oceania, per un totale di visitatori esteri pari al 30% del totale ingressi. Dati che confermano la caratura internazionale della manifestazione, punto di riferimento mondiale nel panorama delle fiere dedicate alla filiera del vino, olio e beverage.

«Siamo molto soddisfatti di questa edizione delle due manifestazioni, con la quale abbiamo voluto ricordare e celebrare in particolare i 50 anni di storia di Simei, che ha confermato la sua forte vocazione all’internazionalizzazione e rappresentatività di un comparto che vanta oggi un valore dell’export pari a 2 miliardi con tassi di incremento a due cifre nell’ultimo decennio e una crescita del 14% solo nei primi 7 mesi del 2013 – dichiara Domenico Zonin, presidente di Unione Italiana Vini, ente organizzatore di Simei-Enovitis -. Un successo ancora più significativo in previsione di Expo 2015. Un efficace contributo al posizionamento del settore vino e delle tecnologie ad esso legate per far conoscere l’eccellenza italiana nel mondo. Abbiamo inoltre trattato il tema della sostenibilità, filo conduttore di Simei-Enovitis 2013 -continua Zonin – con un convegno dedicato, sicuramente tra i più qualificati in Europa, grazie all’intervento di numerosi e autorevoli esperti a livello mondiale della comunità scientifica, offrendo risposte concrete e fattibili alle imprese».

«Un’edizione da ricordare – aggiunge Francesco Pavanello, direttore generale di Unione Italiana Vini – perché ha segnato un momento di svolta nella propria storia. L’appeal di una fiera si concretizza quando questa sa assumere una seria rilevanza come momento formativo e informativo, e Simei-Enovitis2013 hadimostrato di saper fornire strumenti e contenuti utili, favorendo non solo le tecnologie, ma anche il modo stesso di fare vino, andando incontro alla domanda e ai nuovi dettami del mercato».

Inaugurata lo scorso 12 novembre e conclusasi sabato 16, Simei-Enovitis ha tenuto insomma nei numeri e affermato il proprio ruolo di unica piattaforma di confronto e punto di riferimento per operatori e imprese del settore vitivinicolo, fonte di richiamo dei big player internazionali.