Professioni estive: baristi, camerieri e cuochi tra i più richiesti

I lavori estivi più richiesti? Subito dopo la categoria Promoter/Hostess/Steward, si posiziona la voce Baristi/Camerieri, in crescita del +9,9% rispetto al 2015 con una quota dell’8,3% delle offerte del settore. E alla sue spalle seguono i Cuochi, che mettono a segno un incremento del 23,7%. A dirlo sono i dati rilevati dalla piattaforma di reclutamento online InfoJobs, da cui emerge come sia tutto il comparto degli ingaggi estivi a vivere una buona stagione: nel corso del mese di maggio 2016 sono, infatti, state pubblicate 4.640 offerte di lavoro legate alle professioni estive, in crescita del +21% rispetto allo stesso mese del 2015, arrivando a una quota dell’11% del numero totale degli annunci sul portale. Un dato che conferma peraltro il trend già osservato nel 2015 quando il numero delle offerte di lavoro nel settore aveva già più che raddoppiato quello dello stesso periodo del 2014.

L’analisi a livello regionale – si legge su Afffariitaliani.it – mostra poi come in termini assoluti nello scorso mese di maggio il numero maggiore di offerte di lavoro per le professioni estive si è registrato in Lombardia (più di 1.200), seguita da Emilia Romagna e Lazio (entrambe con più di 600 offerte). Il confronto tra maggio 2016 e lo stesso mese del 2015 evidenzia invece come gli annunci siano più che raddoppiati in Liguria (+170%), Puglia (+165%) e Sicilia (+118%).

Infine, il tipo di contratto maggiormente richiesto risulta essere quello di stage, in linea con le caratteristiche e i requisiti di lavori “stagionali”: nello scorso mese di maggio questa tipologia di annunci ha rappresentato più della metà del totale delle offerte, in aumento del +41% rispetto allo stesso mese del 2015. In lieve aumento (+3%) risultano però anche i contratti a tempo determinato, mentre sono in decisa diminuzione i contratti a partita IVA (-45%). Se per le offerte di stage non viene richiesta una particolare esperienza, per le altre formule contrattuali si è registrata una significativa crescita degli annunci rivolti a candidati con almeno 4 anni di collaborazione alle spalle (+33%) e con oltre 5 anni (+17%) rispetto a maggio 2015.