Poli Museo della Grappa: ecco perché visitarlo. Video

Non tutti lo conoscono, eppure Poli Museo della Grappa è stato menzionato persino dalla blasonata guida di viaggi Lonely Planet che, tra le best 10 distillerie al mondo meritevoli di essere visitate, ha indicato tra le italiane solo le Poli.

GUARDA IL VIDEO

Poli Museo della GrappaChe Poli Museo della Grappa meriti una visita è fuori discussione. A maggior ragione oggi, che è appena uscito il primo whisky targato Poli (Segretario di Stato), avrebbe senso fare una scappata e conoscere i titolari.
Comunque, da quando la prima sede è stata aperta, quasi 30 anni fa (per la precisione, nel 2023 si festeggerà il trentesimo compleanno), ha attirato un numero altissimo di visitatori, tanto da accreditarsi come uno tra i musei d’impresa più visitati dello Stivale.
 

distillerie poliLa prima sede di Poli Museo della Grappa si trova in un palazzo antico di Bassano del Grappa, di fronte a Ponte Vecchio. Suddiviso in 5 sale, la mostra ripercorre le tappe principali della storia dell’arte della distillazione per poi arrivare alla produzione nello specifico della grappa tra ricostruzioni di macchinari per distillare, documenti sulla distillazione e illustrazioni di alambicchi. Senza scordare la più antica collezione di grappe mignon d’Italia e la zona dedicata dedicata agli olfattometri, apparecchi speciali per annusare 20 distillati differenti e indicarne i principali caratteri olfattivi.

 
Poli Museo della GrappaLa seconda sede di Poli Museo della Grappa si trova invece a Schiavon, tra Vicenza e Bassano del Grappa, accanto alla distilleria. Sviluppata su due piani per una superficie di circa 1000 m², questo spazio espositivo si articola in sei aree, che comprendono la biblioteca e la stessa distilleria.
 
Poli Museo della GrappaDUE CENNI DI STORIA
“La nascita di Poli Distillerie è merito dell’intraprendenza di mio bisnonno GioBatta – racconta Jacopo Poli, titolare della distilleria di famiglia – che nel 1885 trasferì la sua attività di rivendita di vino e cappelli di paglia dalla Pedemontana alla pianura, confidando che la nuova linea ferroviaria tra Vicenza a Bassano del Grappa avrebbe portato nuovi commerci”.

LEGGI ANCHE