Ice Cube protagonista del contest ICooktail

I bartender lo sanno benissimo: il ghiaccio è un elemento fondamentale per realizzare il cocktail perfetto. Saperlo scegliere e “lavorare” è uno step imprescindibile per la riuscita finale, tanto quanto utilizzare gli altri ingredienti. È per questo che Ice Cube, azienda leader in Italia del ghiaccio alimentare confezionato, ha realizzato una gamma di prodotti in grado di rispondere a tutte le situazioni, dal professionista più esigente all’appassionato di spirit. In occasione della seconda edizione di ICooktail, il format video legato al mondo dei bartender e della mixology in partenza domani, mercoledì 18 novembre, è stato selezionato il ghiaccio Ice Cube, che sarà utilizzato per la creazione dei drink.

Sei puntate in formato video per 12 bartender pronti a mettersi alla prova in una competizione organizzata su più prove a eliminazione. Si sfideranno a colpi di shaker per realizzare cocktail da abbinare ai piatti proposti dallo Chef. Ciò che accade in Italia è che spesso si sottovaluta l’importanza del Food Pairing, cioè l’abbinamento di un drink a una pietanza.

Durante ICooktail, girato nella città di Cesena presso ICook Taste&Share, spazio polifunzionale dedicato alla cucina che questa volta veste i panni del cocktail bar, ci saranno tre giudici a valutare il lavoro dei partecipanti: un bartender noto a livello nazionale, Jonathan Di Vincenzo, brand ambassador di importanti marchi, che valuterà gusto, preparazioni home made, garnish e scelta degli ingredienti per la realizzazione dei cocktail, un tecnico AIBES, Spiridione Ripaldi, che giudicherà lo stile e la tecnica di realizzazione e uno chef, Tomas Marfella, giovane talentuoso, che realizzerà i piatti a cui i partecipanti alla sfida dovranno abbinare cocktail di loro invenzione passando attraverso le sfide proposte dai giudici.

Ice Cube possiede la certificazione ISO9001:2008 e la certificazione internazionale per prodotti alimentari IFS (International Features Standards) FOOD (Higher Level). È inoltre parte di INGA – Istituto Nazionale Ghiaccio Alimentare.