Flores Cócteles ospita Ivan Orsini per Flores Twist on Classic Night

Nel 1930 Harry Craddock pubblicava il ricettario Savoy Cocktail Book e contribuiva così a consacrare il Savoy Hotel e Londra come templi del bere miscelato classico del mondo. Da allora, l’American Bar del Savoy è la Mecca della mixology, un indirizzo che richiama professionisti e appassionati da ogni dove.

Ora il Savoy arriva a Milano, al Flores Cócteles – cocktail bar del ristorante El Porteño Prohibido – che in collaborazione con Campari Academy ospiterà proprio il bartender dell’American Bar Ivan Orsini, 37 anni, nella prossima Flores Twist on Classic Night in programma martedì 8 novembre.

La scelta della data non è per nulla casuale: alle 9 del mattino (ora italiana) di giovedì 9 novembre tornerà online su Netflix la serie super premiata The Crown, incentrata sulle vicende della corona inglese, con la quinta attesissima stagione. L’American Bar del Savoy Hotel non è infatti solo emblema della storia della miscelazione classica londinese, ma è pure un indirizzo conosciuto a tutti gli appassionati di The Crown. Del resto, la principessa Diana ne era cliente affezionata, come testimoniano i numerosi scatti che l’hanno immortalata davanti all’ingresso dell’hotel.

In linea con l’ormai consolidato format delle Flores Twist on Classic Night, come sempre per l’occasione saranno proposte tre rivisitazioni di classici firmate dalla guest. Ma -questa volta- ci sarà pure una quarta reinterpretazione a completare il menù, tutto nel segno della classicità e di Campari.

Nella carta speciale, non poteva mancare un twist dell’Hanky Panky. Un cocktail degli Anni ‘20 del ‘900 creato proprio al Savoy Hotel dalla prima e unica donna ad oggi ad aver ricoperto la carica di head bartender dell’American Bar: Ada Coleman. Ecco, poi, un twist dell’Old Pal (che, a sua volta, è una variante del Boulevardier con rye whiskey, Campari e vermouth dry), un curioso riff dello Spritz (Open Your Mind) e una variante del Jungle Bird (Follow The Sun). “Il Jungle Bird è un drink esotico della fine degli Anni ’70.

E ha due particolarità: “Uno, è un cocktail tiki con il bitter Campari. Due, il Jungle Bird è stato creato -intorno al 1978- al bar Aviary dell’Hilton Kuala Lampur in Malesia. E sono decisamente pochi i drink asiatici diffusi a livello mondiale”, spiega Orsini.