Filtro anti-covid: firmato l’accordo di distribuzione tra Nanohub e DTO

    NANOHUB, la start up nel campo delle nanotecnologie che ha brevettato il primo filtro al mondo che uccide il Coronavirus Sars-Cov2, annuncia oggi la firma di un accordo con DTO Servizi, società veneta presente a livello nazionale e che dal 1993 opera nel settore della commercializzazione ed assistenza tecnica di strumentazione scientifica. Con questo accordo, DTO Excellent for Innovators, attraverso la neonata DTO Air si occuperà della distribuzione a livello nazionale dell’impianto innovativo, in grado di inattivare il SARS- COV-2 in ambienti chiusi attraverso l’installazione negli impianti di aereazione. L’accordo arriva a solo una settimana dall’annuncio del deposito del brevetto della tecnologia ideata dalla start up italiana e testata nel laboratorio della Dr.ssa Elisa Vicenzi, capo dell’Unità di Patogenesi Virale e Biosicurezza dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

    “Poter contare su una distribuzione capillare sul territorio italiano è fondamentale per continuare a crescere – commenta Stefano Perboni, CEO di NANOHUB – Ad una settimana dal deposito del brevetto del nostro filtro abbiamo già firmato accordi per l’applicazione nel mondo trasporti e siamo certi che la collaborazione con DTO e la forza di una rete vendita competente potrà supportarci con successo nell’apertura di nuovi canali. Il nostro filtro infatti ha infiniti ambiti di applicazione, garantendo la sicurezza dell’aria negli ambienti chiusi, condizione in questo momento fondamentale per un ritorno graduale alla normalità.”

    Il nostro Payoff “Excellent for Innovators” ci spiega Pierantonio Del Turco, CEO di DTO sembra proprio creato apposta per questa fantastica partnership con NANOHUB. DTO lavora nel campo dei consumabili e della strumentazione per laboratori scientifici da 28 anni e siamo fieri di poter mettere a valore comune e condividere la nostra esperienza con NANOHUB. Siamo molto ottimisti sul successo di questa tecnologia e bisognerà essere veloci ed efficaci per distribuire il più possibile gli strumenti. Ci piace molto – continua Del Turco – che questa tecnologia sia totalmente Made in Italy e valorizzi i talenti italiani e la ricerca italiana”.

    La tecnologia del filtro ideato e brevettato da NanoHub in soli 10 minuti inattiva un’elevata carica virale infettiva (15.000 particelle infettive di partenza) del SARS-CoV-2 di oltre il 98,2%; in 20 minuti di oltre il 99,8%, fino ad arrivare al 100% in 30 minuti. Il filtro si compone di un reattore fotocatalitico di ultima generazione e da un tessuto antibatterico e antivirale. L’azione congiunta dei componenti permette di sanificare l’aria, raggiungendo gli obiettivi di contenimento e rallentamento della trasmissione del SARS-CoV-2 da sempre evocati dalle autorità sanitarie per il ritorno alla vita normale.