Filicori Zecchini, il migliore caffè è quello rosa

La barista Giada Moranti vince il concorso per il migliore espresso italiano griffato Filicori Zecchini. Per il marchio storico del caffè bolognese l’obiettivo è la crescita internazionale: nei prossimi tre anni fatturato annuo estero raddoppierà dal 15% al 30% del volume d’affari complessivo.

“Il nostro compleanno non celebra solo un secolo di attività e lavoro. Cade in un momento particolarmente importante nella storia della nostra impresa. Mio padre Giovanni, cha ha segnato dagli anni ’60 scelte, traguardi e successi dell’azienda, ha lasciato la responsabilità della direzione di Filicori Zecchini, a me, mia sorella e a Luigi Zecchini, rappresentante dell’altra famiglia che dalla fondazione del 1919 porta avanti con noi FZ”, spiega Luca Filicori, responsabile marketing, sviluppo prodotto dell’azienda.

“Oggi possiamo definirlo un vero anno zero. Abbiamo il compito di continuare nel segno di crescita e espansione come sempre è avvenuto negli ultimi anni – continuano Luigi Zecchini insieme a Luca e Costanza Filicori – l’obiettivo per il prossimo triennio è crescere nell’export e nella presenza sul mercato internazionale. Vogliamo passare dall’attuale 15% di fatturato annuo in arrivo dall’estero, ad un quota vicina invece al 30%. Questo non significa, però, tralasciare l’Italia a cui continueremo a dedicare grande energia. Lo dimostra il concorso nazionale dedicato ai baristi FZ, con cui oggi abbiamo festeggiato il nostro anniversario”.

E a vincere la finale bolognese del concorso “100 anni di qualità Filicori Zecchini”, dopo le quatto tappe di selezione nei mesi scorsi (Rimini, Milano, Bologna, Roma) è stata come accennato la barista Giada Moranti del locale “La tana della volpe” di Serra de Conti (AN). Secondo la giuria della manifestazione, giudice tecnico Matteo Beluffi, giudici sensoriali Francesco Elmi e Helena Oliviero, è infatti stata la ventinovenne Moranti a preparare i migliori caffè e cappuccini, a base di miscele e mono origine FZ, tra quelli presentati dai quattro finalisti, durante l’evento svoltosi il 25 ottobre nelle sale del Sympò di Via delle Lame a Bologna. A completare la classifica, seconda piazza ex equo, visto l’alto livello anche delle loro creazioni, per gli altri tre finalisti: Davide Terenzi (Lodi), Andrea Cheli (Funo-BO) e Verusca Colantoni (Roma).

Per la vincitrice un viaggio di studio in Brasile, alla scoperta della piantagione che da decenni rifornisce FZ con la sua pregiatissima arabica.