Educare i giovani alla grappa? Si può, grazie a Twitter

Educare le nuove generazioni alla grappa non è impossibile e la via potrebbe passare dai social, da Twitter, per l’esattezza. A dirlo è Paolo Errico, Amministratore Delegato di SocialMeter. Una recente indagine svolta dal gruppo, appunto, rivela come la grappa goda di una certa rilevanza sul social dei cinguettii. Le rilevazioni, effettuate dal 28 luglio al 28 ottobre 2015, hanno registrato, infatti, 6.435 tweet e 2.208 immagini condivise a opera di 3.581 utenti. L’hashtag #grappa è stato il più usato con circa il 74% del totale (gli altri monitorati erano #liquore, #liquori, #distillato, #distillati, #superalcolici) e ha raggiunto un picco di impiego nella serata del 27 agosto. Peccato, chiosa Errico, che siano ancora poche le aziende su Twitter, eppure potrebbe essere la strategia più appropriata per conquistare i mercati esteri, quelli a stelle e strisce, specialmente, che su questo social vanno alla grande.

Grappa: barricata, corposa, morbida. Vince quella premium