Coprifuoco a mezzanotte. Fronte caldo per le discoteche

coprifuoco

Passano a sette le Regioni bianche, mentre il coprifuoco slitta a mezzanotte, con l’obiettivo – il prossimo 21 giugno – di venire del tutto eliminato. Fronte ancora caldo per le discoteche. Ipotesi riapertura a luglio, ma con green pass.

Slitta a mezzanotte il coprifuoco in zona gialla, mentre le regioni in bianco passano a sette (a Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, si sono infatti aggiunte Abruzzo, Umbria, Liguria Veneto).

A livello nazionale, la situazione è in miglioramento, anche se continuano purtroppo i decessi per infezione Cov- Sars – 2: altri 51 morti. Nonostante i 2.275 nuovi contagi (con tasso di positività è dell’1,5%) le terapie intensive si stanno svuotando: solo venti ingressi in terapia intensiva sono stati registrati nelle ultime 24 ore, mentre Valle d’Aosta, Molise e Basilicata non hanno più pazienti in rianimazione.

Si intravede quindi un ritorno alla quasi normalità. Quasi, però: sulle discoteche, infatti, la questione è ancora aperta; probabilmente domani il tema verrà affrontato dai gestori dei locali insieme al ministro Speranza. Circola l’ipotesi di un’apertura a luglio, ma con obbligo di green pass.

“Ho fatto una riunione con la direzione generale della prevenzione – spiega in proposito il sottosegretario alla salute Sileri – facendo presente che se abbiamo un green pass dobbiamo crederci per avere accesso a una maggiore libertà. Dovremmo arrivare quanto prima al punto in cui si può anche ballare se si è muniti di green pass. Usiamo il green pass, magari riduciamo le persone”.