Campari Soda entra nel mondo della crypto arte

Campari Soda sbarca nell’innovativo mondo degli NFT insieme a un artista d’eccezione, Marco Oggian, appartenente alla piattaforma di artisti Pocko. È stato possibile, infatti, acquistare tramite cryptovaluta sul portale https://opensea.io/marco_oggian quattro riproduzioni di un’opera digitale in formato video composta da 32 frame (a ricordare l’anno di nascita del brand, 1932) e che reinterpreteranno l’iconica bottiglietta. L’intero ricavato verrà devoluto a un’istituzione di rilievo come POLI.design – realtà di riferimento a livello internazionale per la formazione post-graduate in Design del Politecnico di Milano –con l’obiettivo di sostenere e stimolare la crescita dei giovani talenti nell’ambito del design. Ma non solo! Campari Soda, brand #senzaetichette per eccellenza, offrirà a chiunque lo desideri l’opportunità di scaricare dal sito web camparisoda.it – gratuitamente in formato PDF – uno dei 32 frame unici di cui ciascun video è composto. Un modo unico e davvero speciale per aprire a tutti le porte del mondo del design e di questa nuova tendenza.

Ultima frontiera dell’arte, le opere appartenenti alla crypto arte godono di una certificazione realizzata grazie alla tecnologia blockchain e sono acquistabili tramite valute digitali. La particolarità? Ogni opera è unica, in quanto registrata con gli ormai conosciutissimi NFT, acronimo di Non-Fungible Token. Campari Soda, già da tempo grande attore nel panorama del design, muove i suoi primi passi in questo nuovo ed entusiasmante universo in compagnia di un artista italiano, già molto noto anche in ambito internazionale: Marco Oggian. Originario della provincia di Varese, Oggian ha visto i propri progetti artistici esposti nelle gallerie e mostre di Parigi, Barcellona, Londra, Berlino e Tokyo, oltre che pubblicati in più di 20 libri, spaziando dal design all’illustrazione, fino alla tipografia e fotografia. Marco è solito descrivere il proprio stile come semplice e d’impatto, con l’utilizzo di colori brillanti.

La collaborazione nasce con l’obiettivo di rafforzare, in un modo sempre più originale, il forte legame tra Campari Soda e il mondo del design, nato nel lontano 1932. In quell’anno, infatti, Davide Campari – imprenditore illuminato e grande appassionato di arte – creò il primo aperitivo monodose della storia e chiese al futurista Fortunato Depero di disegnare l’inconfondibile bottiglia a forma di calice rovesciato da 9,8 cl. Campari Soda è quindi da oltre ottant’anni simbolo di autenticità e di vicinanza autentica, priva di maschere e convenzioni sociali per legarsi ad altri individui che condividono uguali valori, sempre #senzaetichette.

Un progetto unico e speciale per sottolineare, ancora una volta, la volontà di Campari Soda di supportare giovani talenti appartenenti al variegato e sorprendente mondo del design, con uno sguardo sempre attento alle nuove tendenze.