food

09 Gennaio 2022

Mr. Dobelina: "Saremo il primo produttore di potato rolls in Europa"

di Riccardo Sada


Mr. Dobelina:

Un obiettivo ambizioso: arrivare ad essere produttore europeo numero uno in tema di potato rolls, un elemento indispensabile per l'hamburgheria dei prossimi anni. Lo dice il vicentino Filippo Mursia, founder di Mr. Dobelina e primo ad avere introdotto anche nel Belpaese i buns di patate per hamburger.

Come azienda specializzata, come vi muovete nel comparto delle hamburgerie?
Attualmente la nostra azienda si muove attraverso una rete commerciale interna, dove il nostro agente contatta direttamente hamburgerie e ristoranti in tutta Italia che potrebbero essere interessati alla nostra tipologia di burger bun, ovvero locali più mirati verso una tipologia di burger all’americana (smash burger). Contemporaneamente collaboriamo con dei distributori che si occupano di fornire alla loro rete commerciale fatta di locali e hamburgerie più in stile italiano. Sfruttando la loro esperienza ed autorità nel mercato della ristorazione a loro il compito di far conoscere la nostra nuova tipologia di prodotto. Tramite il nostro sito online ci occupiamo di creare cultura sul prodotto e i suoi svariati utilizzi creando ogni settimana nuovi contenuti in forma di ricette”.

Quali prodotti proponete per il settore?
Il nostro prodotto di punta sono i burger bun con patate (potato rolls): sono una tipologia di burger bun ormai da anni divenuta lo standard nel mondo dei fast food di qualità quali Shake Shack, In & Out e molti altri. A differenza dei classici burger bun a cui siamo abituati in Italia, i nostri burger bun hanno una caratteristico sapore leggermente dolce, un'alta capacità di assorbimento delle salse e una consistenza tale da poter avvolgere tutti gli ingredienti senza mai sfaldarsi. Inoltre, a differenza del classico pane da hamburger, i panini da hamburger di patate tendono ad essere un ingrediente di accompagnamento ai burger, e non un ingrediente predominante come siamo stati abituati fino ad ora. Se qualcuno vuole mangiare un hamburger, ha voglia di carne, non di pane. E il bun di patate è il perfetto compagno. Al momento proponiamo tre ricette: Classic, Vegan, Ralph, nelle dimensioni da 60gr (9cm) e 80gr (12cm). Il Classic è la nostra ricetta dal sapore Americano ma dal cuore Italiano, la ricetta Vegan è la variante perfetta per tutto il nuovo mondo plant based e vegan e la ricetta Ralph invece è una ricetta più dolce e burrosa per un’esperienza ancora più goduriosa. Queste tre ricette vengono declinate in diverse tipologie di prodotto: burger buns, hot dog bun da 60gr e 80gr (entrambi da 16cm di lunghezza) e pane in cassetta da 10x10cm in bauletti da 500gr”.

Quali obiettivi di crescita vi date da qui a 5 anni?
Diventare il primo produttore di potato rolls nel mercato europeo. A oggi siamo i primi ad aver lanciato questa tipologia di prodotto nel mercato, prima di noi l’unica opzione era quella di importarli dagli Stati Uniti, con tutte le complicazioni che ne derivano. Ora ci stiamo affermando nel mercato italiano con un prodotto artigianale al punto giusto da mantenere una garanzia di freschezza ed etichetta pulita, ma una potenza di produzione a livello industriale. Gli investimenti in atto ci permetteranno di raggiungere volumi di produzione ed uniformità di prodotto degne dei colossi americani dei buns, ma mantenendo sempre il nostro cuore italiano e la facilità di approvvigionamento da parte di tutto il mercato europeo”.

Vi aspettate ancora una crescita del settore delle delle hamburgherie, considerando che il fenomeno è già consolidato?
Sicuramente. In questi ultimi due anni, nonostante la pandemia, l’hamburger è stato uno dei piatti più venduti anche in tutte le piattaforme online di delivery. La sua semplicità dal gusto sempre deciso, ed un prezzo abbordabile, sono una combinazione perfetta per un pubblico giovane e meno giovane, single e famiglie. Grazie alla nascita di Burgez, in Italia è finalmente diventato mainstream quello che in America è lo standard da oltre 15 anni, lo smash burger. Motivo per il quale nasce Mr.Dobelina. La voglia di potersi finalmente mangiare a casa propria dei veri burger come in America. Tra i locali che forniamo stiamo vedendo una tendenza verso questa nuova tipologia di burger, dove la carne (un giusto mix tra carne magra e grasso) viene schiacciata sulla piastra, il calore rilascia tutto il grasso che andrà a formare una gustosissima crosticina sul patty di carne (grazie alla Reazione di Maillard) che manterrà la carne succosa al suo interno, ma croccante all’esterno. Un’esperienza nuova, molto più gustosa. Provare per credere”.

Attraverso quali leve è possibile ancora sviluppare questo comparto: c’è ancora un terreno ‘vergine’ da esplorare?
Da qualche tempo in Italia sono arrivati tutti i prodotti plant-based, ovvero prodotti vegani che simulano l’esperienza di hamburger di carne. Molti di voi storceranno il naso, ma posso assicurarvi che sono degli ottimi prodotti, sicuramente da prendere diversamente rispetto al classico burger sanguinolento, ma sono un’ottima alternativa anche ad mirata a diminuire l’impatto ambientale degli allevamenti intensivi. Negli Stati Uniti tutto è cominciato con Impossible Burger, dopo di che è arrivato Beyond Burger (in Italia distribuito presso i supermercati Alì) e ora seguito anche in Italia da Granarolo con Unconventional Burger. Noi di Mr.Dobelina stiamo lavorando molto con Future Farm, una realtà brasiliana che propone ogni tipologia di carne plant based, dagli hamburger, al pollo, al tonno. Questo è sicuramente un mercato ancora vergine in Italia, ma che presto diventerà la normalità. I fast food plant based sono il futuro e lo dimostra il nuovo locale di Hamerica’s aperto a Bologna, che offre tutto quello che potete immaginare, in versione vegan e gustosa”.

TAG: HAMBURGER,FILIPPO MURSIA,MR. DOBELINA,MIXER 343

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Meno del 10% delle imprese italiane della ristorazione utilizza un sistema di ordini e pagamenti integrato a supporto del proprio business. L'obiettivo è ridurre tempi di attesa e...

12/07/2024

Obiettivo whisk(e)y, o whisky. Comunque lo vogliate chiamare sarà lui il protagonista del Bar Convent Berlin 2024, la manifestazione in programma nella capitale tedesca dal 14 al 16 ottobre...

11/07/2024

I consumi di vino negli Stati Uniti stentano a ripartire: il saldo tendenziale dei primi cinque mesi del 2024 basato sugli ordini dei magazzini da parte di Horeca e grande distribuzione segna un -8%...

11/07/2024

Il Pulp & Purple di Omar Vesentini, proprietario dell’Hemingway Cocktail Bar di Como, è il miglior signature cocktail della quinta edizione della Como Lake Cocktail Week. Il bartender ha...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top