World Pasta Day, appuntamento il 25 ottobre con #Haveagoodpasta

Una giornata dedicata al piatto simbolo della dieta mediterranea. L’appuntamento con la 23ma edizione del World Pasta Day, manifestazione ideata e curata da Unione Italiana Food e IPO – International Pasta Organisation, è per il prossimo 25 ottobre, giorno in cui saranno numerose le iniziative benefiche messe in campo per mostrare il lato “buono” della pasta.

Per partecipare, basterà postare fino al 25 ottobre sui propri canali social lo scatto di un piatto di pasta con l’hashtag #Haveagoodpasta. Ogni scatto condiviso verrà caricato sul sito dedicato “Al Dente” e caricherà un contatore online fino al raggiungimento di 300mila piatti di pasta, che i pastai italiani doneranno alle mense Caritas di quattro grandi città italiane: Milano, Roma, Napoli e Palermo, a unire idealmente la penisola in una spaghettata solidale.

Al momento, sono 150 i ristoranti italiani e internazionali che hanno già aderito al progetto con una ricetta di pasta ispirata al tema #haveagoodpasta che verrà proposta in carta dal 18 al 25 ottobre e condivisa sui propri canali social per coinvolgere la propria community.

Stando alle ultime survey disponibili, nel 2020 il mondo ha mangiato circa 17 milioni di tonnellate di pasta, un milione in più rispetto al 2019 e il doppio rispetto a dieci anni fa, con l’Italia a fare da capofila per produzione, consumi e export di questo alimento (nel 2020, solo nel Belpaese, il consumo ha fatto registrare 1 tonnellata in più rispetto all’anno precedente).

Intanto, un sondaggio realizzato da American Pistachio Growers ha rivelato che oltre 8 italiani su 10 prediligono la croccantezza dei pistacchi americani come topping sulla pasta. Se quasi 4 italiani su 10, infatti, optano per un condimento light, oltre 6 italiani su 10 affermano di gradire la frutta secca (e in particolare il pistacchio americano) come guarnizione finale del piatto, e la usano abitualmente.