caffè

02 Dicembre 2022

Con Wega e Renata Zanon lo specialty arriva in carcere

di Anna Muzio


Con Wega e Renata Zanon lo specialty arriva in carcere

Un corso di 3 giorni per introdurre i detenuti alla conoscenza dei caffè speicali è forse il segno che in Italia la materia prima di alta gamma sta facendo breccia, tanto da diventare opportunità professionale

Il caffè è professione possibile, ma anche veicolo di integrazione e socialità: ce lo racconta la storia della nera bevanda, in Italia e altrove. Sappiamo però come la categoria specialty, il caffè di alta qualità, abbia fatto fatica a fare breccia in Italia. Forse però qualcosa sta cambiando. È quello che pensa Wega, evidentemente: l’azienda veneta di macchina per caffè ha infatti sponsorizzato il corso di tre giorni tenuto alla Casa Circondariale di Cremona dalla Coffee Expert Renata Zanon per aiutare i detenuti ad aprire nuove sfide e prospettive professionali.

E la base è stata appunto non il semplice caffè ma proprio lo specialty. 
“Non è la prima volta che ho la possibilità di vivere queste esperienze - ha detto Renata Zanon - e ogni volta noto molta partecipazione e interesse verso l’apprendimento di queste tecniche. In un primo momento, ho notato in tutti una certa timidezza, specialmente nella parte pratica, ma in generale si sono dimostrati appassionati e hanno messo molto impegno in tutte le fasi”. Durante il corso i detenuti si sono cimentati nella preparazione di caffè e cappuccini, supportati da una macchina Wega Mininova che ha superato brillantemente anche le condizioni non ideali, come spiega Renata: “Può funzionare con un voltaggio da 220 v e la cassetta dell’acqua non necessita di allacciamento”. 
Scopo del corso era appunto quello di proiettare i partecipanti in una dimensione lavorativa futura.

"Il corso è stato davvero bello - ha commentato uno di loro -. Ho scoperto cose nuove sul caffè che prima non sapevo. Renata ci ha dato molti spunti e ha risvegliato la nostra curiosità. Sono molto contento di questa esperienza, magari in futuro avrò l’occasione di approfondire meglio questo settore, perché no?"
. Il caffè si è rivelato ancora una volta un potente collante per il dialogo. I partecipanti infatti hanno anche preparato il caffè con la moka classica, un modo per condividere ciò che avevano appreso anche con i compagni di cella e instaurare un rapporto formativo e di riflessione.

Queste esperienze arricchiscono tutti - ha concluso Zanon -. In questi contesti c’è molto bisogno anche di professionisti che si prestino a formare i detenuti che cercano riscatto nella società. Comprendo che la fiducia sia una questione molto delicata ma sono convinta che tutti meritino una seconda possibilità e queste sono occasioni uniche per dimostrare l’affidabilità e la consapevolezza che queste persone hanno maturato dopo un percorso di reclusione”.

TAG: CARCERE,WEGA,RENATA ZANON

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/05/2024

Mise en place, presentare l’olio nelle sale in chiave moderna e funzionale, in un’ottica di design. È questo il tema della settima edizione del forum Olio...

24/05/2024

Volete sapere quanto dovrebbe costare un espresso in un bar italiano secondo l'Intelligenza Artificiale? 3,45€ a tazzina, utilizzando un caffè di bassa qualità, e 3,70€ se si usa...

24/05/2024

Tornerà sabato 1 giugno, dalle ore 10 alle 18, il Palermo Coffee Festival, manifestazione organizzata da Morettino, in collaborazione con CoopCulture e Orto Botanico di Palermo, dedicata agli...

24/05/2024

È Andrea Pieraccini il nuovo International Tour Ambassador della Sabatini Cocktail Competition. Il bartender del bistrot La Zanzara di Roma è stato uno dei ...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top