pubblici esercizi

13 Marzo 2022

Ritorno al fuori casa, Francesco Sanapo: “Costerà tutto di più”

di Anna Muzio


Ritorno al fuori casa, Francesco Sanapo: “Costerà tutto di più”

Dopo due anni terribili il fuori casa si appresta ad affrontare un’altra stagione. Con tante speranze e, anche, qualche complicazione. Perché il mondo nel frattempo è cambiato. Ma nei lunghi periodi di inattività, ce l’hanno detto in tanti, c’è stato spazio per riflettere (finalmente?) sul proprio business. Abbiamo quindi pensato di chiedere a chi nell’ospitalità ci lavora tutti i giorni come è cambiato il lavoro quotidiano, come vedono i temi “caldi” del momento (prezzi, personale, no plastic) e cosa resterà della pandemia.

Per la prima puntata parla colui che è probabilmente il barista più noto (e premiato) d’Italia, Francesco Sanapo, titolare di Ditta Artigianale che a Firenze a tre caffetteria di cui la prima, in via dei Neri, ha riaperto completamente ristrutturata il 1 marzo.

Cosa state facendo per adattarvi alla situazione?
"Il Covid, a parte fare venire meno gente, in cosa mi ha cambiato, come mi dovrei adattare? È una domanda che mi fanno spesso e che non capisco. Prima c’era la favoletta del take away, abbiamo capito che non è sostenibile. Dobbiamo mettere in sicurezza le persone che vengono: disinfettare è oggi diventata una prassi. Non abbiamo mai smesso di fare ricerca e sviluppo. Il Covid non mi ha cambiato l’azienda, l’ha semplicemente presa a schiaffi. Forse ci ha messo nelle condizioni di adattarla su un piano economico diverso. Non possiamo più permetterci cinque persone quando ne servono tre, dobbiamo adattare l’azienda a essere sostenibile anche con pochi clienti presenti".

Il cliente, appunto. È cambiato, e come?
"È spaventato, è alla ricerca di spazi all’aperto, siamo tutti un po’ spaventati chi più chi meno. Per tutti il Covid è una batosta grossa. Chi esce lo fa perché ha voglia di vivere, ci hanno massacrato oggi la gente ha voglia di uscire da questa crisi, un drink fuori con un amico ha assunto un valore diverso, non è più un fatto scontato".

La cosa più nuova che ha visto in giro nel fuori casa quest’anno?
"Qualche nuova tecnologia nelle macchine da caffè, ma non ho visto niente di stravolgente, si è un po’ tutto fermato. Magari qualcuno sta aspettando una situazione più favorevole prima di mettere sul tavolo qualcosa di nuovo".

Aumento dei prezzi: lo farete o lo avete già fatto?
"Un po’ l’abbiamo fatto ma va rivisto perché con gli aumenti dei costi di energia e materie prime dobbiamo dare un segnale sui prezzi di ogni singola parte del menu: ognuna è influenzata e non può più costare come costava prima".

Sostenibilità e uso della plastica: come siete organizzati?
"Siamo arrivati ad avere un consumo bassissimo, abbiamo tolto le bottiglie di plastica, i nostri bicchieri da asporto sono completamente riciclabili nella carta. Ci siamo impegnati già prima del Covid e oggi continuiamo. Il nostro concetto si basa sulla sostenibilità soprattutto nel mondo del caffè, è l’approccio che abbiamo con i nostri fornitori e produttori".

Salute e alimentazione: sono cambiate le richieste del cliente?
"C’è più curiosità e attenzione su tutto e in particolare sul food, la gente cerca di mangiare sano. Noi abbiamo inserito in menu il Vegan Burger e il Crab Roll. Nella nostra cucina cerchiamo di rispettare le stagionalità impattando nel nostro piccolo il meno possibile. Lo zucchero lo sconsigliamo anche nel caffè ma non posso essere ipocrita, la pasticceria è una parte importante del nostro business".

Mancanza del personale: a che punto siamo?
"È una bella piaga, per tutti. Non ci sono persone valide, abbiamo bisogno di personale formato e facciamo ancora più fatica. Per fortuna la nostra scuola ci aiuta, arrivano partendo da zero e escono come baristi formati. D'altronde, il mondo dell’hospitality è tra i più colpiti dal Covid e, soprattutto, è visto come un lavoro precario, insicuro, rischioso perché soggetto a situazioni che dall’oggi al domani possono lasciarti a casa".

Cosa resta della pandemia ad oggi e cosa sarà archiviato nelle pieghe della storia?
"Rimarrà sicuramente un’attenzione nella gestione degli spazi interni, come le distanze da un tavolo all’altro, la sanificazione degli spazi ce la porteremo dietro e lo sfruttamento degli spazi esterni e pi spero che tutto il resto vada via insieme al covid. La paura di socializzare spero se ne vada".

Come vedi il futuro del fuori casa?
"Il fuori casa oggi sta aspettando semplicemente la fine del Covid. Continuerà, l’unica cosa che ci dobbiamo aspettare è un fuori casa più caro: andare a prendere un caffè o una pizza costerà di più, perché per mantenersi è necessario un rincaro dei prezzi".

TAG: CAFFè DIEMME,PREZZI,FRANCESCO SANAPO,FUORI CASA,DITTA ARTIGIANALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

14/06/2024

L'appuntamento è per venerdì 14 giugno alle ore 18:30 presso il Convivium Bar di Monaci delle Terre Nere alle pendici dell'Etna. In collaborazione con Campari Academy, Salvatore Calabrese metterà...

14/06/2024

Destinazione: World of Coffee Copenaghen, Bella Center, dal 27 al 29 giugno 2024. E occhi puntati sulla delegazione italiana che gareggerà nei campionati mondiali SCA, gli ultimi che mancano da...

A cura di Anna Muzio

14/06/2024

Con l'arrivo del mese di giugno riparte Mare Mio by Gin Mare, l'iniziativa condivisa con Marevivo – Fondazione Ambientalista ETS che mira a proteggere e preservare la bellezza e la vita del Mar...

14/06/2024

Chi l’ha detto che in Italia i giovani non lavorano? Anche se i numeri lo dicono con certezza – 2,1 i milioni di Neet (i 15-34enni che non studiano né hanno un impiego) nel nostro Paese e solo...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top