pubblici esercizi

13 Dicembre 2021

Fipe contro gli home restaurant: "Servono regole e tassazione comuni"


Fipe contro gli home restaurant:

Chi vuole fare il ristoratore apra un ristorante. E' la posizione senza se e senza ma di Fipe che ha preso una posizione contro il caso degli "home restaurant" scoppiato in Liguria.

Dopo il caso di Nonna Leo, l'home restaurant genovese multato per non aver rispettato le regole regionali ed essersi comportato di fatto come un vero ristorante, per l'associazione di categoria dei pubblici esercenti è venuto il momento di esprimere una posizione chiara: "Gli home restaurant devono rispettare ovviamente le regole. Ma noi riteniamo che sia concorrenza sleale la loro anche in caso le leggi le rispettino", ha detto Alessandro Cavo, Presidente di Fipe Confcommercio Liguria.

Che ha aggiunto: "Vi è un modo per esprimere il proprio talento in cucina assolutamente regolare e rispettoso dei propri colleghi ed è aprire un ristorante. Visto che tutti noi lo abbiamo fatto, lo possono fare anche gli altri. Aprire un ristorante significa andare incontro a investimenti ingenti, una tassazione forte e anche al rispetto di una serie di regole riguardanti la sicurezza alimentare, antincendio, sul lavoro".

Come si ricorderà, il locale genovese era stato multato per attività di ristorazione abusiva con una sanzione pari a 5mila euro. La motivazione? Non rispettava i canoni e le regole dei cosiddetti "home restaurant", attività di ristorazione casalinga che devono però seguire regole precise. Sono infatti abitazioni private all'interno delle quali la legge regionale permette di organizzare cene a pagamento per un massimo di 10 volte l'anno con un numero prestabilito di commensali paganti.

"Stesso mercato, stesse regole, stessa tassazione: abbiamo sempre visto gli home restaurant un modo per fare ristorazione senza sottostare a quello che è il mercato della ristorazione e alle regole di concorrenza. I ristoranti sono un'impresa molto impegnativa dal punto di vista economico, la marginalità negli ultimi decenni è diminuita enormemente, abbiamo vissuto due anni di pandemia che hanno chiuso buona parte delle attività e solo adesso ci stiamo rialzando. Per le imprese ancora in vita si è recuperato un terzo di quanto perso nella pandemia, la strada è ancora lunga. Avere queste attività è un sistema da condannare", ha concluso Cavo.

TAG: MARCO BERETTA,CAFFè DIEMME,ALESSANDRO CAVO,NONNA LEO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/05/2024

Mise en place, presentare l’olio nelle sale in chiave moderna e funzionale, in un’ottica di design. È questo il tema della settima edizione del forum Olio...

24/05/2024

Volete sapere quanto dovrebbe costare un espresso in un bar italiano secondo l'Intelligenza Artificiale? 3,45€ a tazzina, utilizzando un caffè di bassa qualità, e 3,70€ se si usa...

24/05/2024

Tornerà sabato 1 giugno, dalle ore 10 alle 18, il Palermo Coffee Festival, manifestazione organizzata da Morettino, in collaborazione con CoopCulture e Orto Botanico di Palermo, dedicata agli...

24/05/2024

È Andrea Pieraccini il nuovo International Tour Ambassador della Sabatini Cocktail Competition. Il bartender del bistrot La Zanzara di Roma è stato uno dei ...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top