pubblici esercizi

24 Maggio 2021

Il giallo del covid manager che appare e scompare

di Carmela Ignaccolo


Il giallo del covid manager che appare e scompare

Scompare dal protocollo la figura del covid manager e viene eliminato il numero massimo di ospiti: il settore del Banqueting e Catering tira un sospiro di sollievo.

Dopo l’allarme dei giorni scorsi, le feste private potrebbero tirare un sospiro di sollievo. Il testo del protocollo prodotto in seno alla Conferenza Stato Regioni, e ora in attesa di passare al vaglio del CTS e del ministero della salute, presenta infatti, delle modifiche interessanti.

“Due, essenzialmente, i punti controversi eliminati - spiega Paolo Capurro presidente di ANBC-. Il primo è relativo appunto al covid manager, figura controversa, sotto vari punti di vista e ora sparita dall’ordine del giorno.

Il secondo riguarda l’eliminazione del contingentamento del numero massimo di ospiti: ora si utilizzerà il parametro dello spazio a disposizione.”.

Buone notizie anche sul fronte del ballo: le danza sono ora autorizzate, purché si mantenga la distanza di 1,20 metri all’esterno e di 2 metri al chiuso.

Un netto miglioramento, dunque, rispetto agli scenari delineati la scorsa settimana.

Resta comunque un giallo: da dove è spuntata la figura del covid manager?

E come mai ha fatto la sua comparsa in maniera così roboante (in pochi giorni è diventata la star dei media) per poi cadere rapidamente nel dimenticatoio?

Covid manager: chi è costui?

Come conferma l’avvocato Simona Cardillo dello Studio Lexant, “Attualmente la figura del covid manager non è una figura normata a livello nazionale. Tuttavia, alcune regioni, come il Veneto (nelle “Indicazioni operative per la tutela della salute negli ambienti di lavoro non sanitari” del 29/04/2020) e la Lombardia (con l’ordinanza n. 532 del 24/04/2020) hanno introdotto la figura professionale del Covid-Manager con funzioni, appunto, di coordinamento per l’attuazione delle misure di prevenzione del contagio da Covid-19. Esso costituisce il principale referente aziendale con le strutture del Sistema Sanitario Regionale e gli enti di controllo, che ha l’obiettivo di garantire la salute e sicurezza delle attività lavorative”.

Ma se non è una figura normata, come mai tanta improvvisa popolarità. Addirittura da ventilarne la presenza nel protocollo da sottoporre al tavolo di regia?

“E’ stato il tam - tam dei media; dei social specialmente”- suggerisce Capurro.

Tuttavia, nell’ambito del settore delle feste private la gestione del covid manager non è propriamente agevole. Tanti i dubbi sul suo ruolo e le sue competenze.

“Chi lo forma? – si chiede infatti il presidente ANBC - Chi è il suo committente? Forse gli sposi? Quale autorità ha nei confronti dei vari fornitori?  (non dimentichiamoci che sono veramente tanti: dal fiorista, ai musicisti, dal fotografo ai cuochi, dal servizio in sala a quello guardaroba, solo per fare qualche esempio). Spetta a lui fare osservare tutti i protocolli? E in questo caso, non avrebbe diritto a una retribuzione all’altezza di tali responsabilità? E in quanti potrebbero accollarsi tali costi?

Sono stati proprio questi interrogativi a mettere sull’avviso la nostra associazione che ha invece sempre puntato sulla validità e sull’esaustività dei protocolli, chiedendo che ci si impegnasse a farli rispettare”.

Adesso, comunque,  questa controversa figura sembrerebbe scomparsa dal protocollo di settore  e le idee sono un po’ più chiare.

Probabilmente però, se il covid manager, non è contemplato nel protocollo relativo a catering e banqueting non è detto che non lo vedremo ben presto fare altrove la sua comparsa , visto che – come ci spiega Cardillo – “ L’introduzione della figura in discorso è all’esame di varie Regioni e molte aziende, anche non obbligate a farlo, stanno prendendo in considerazione l’introduzione di questa figura anche in un’ottica di limitazione del rischio connesso ai temi della sicurezza sui luoghi di lavoro”.

TAG: CAFFè DIEMME,ANBC,PAOLO CAPURRO,COVID MANAGER,SIMONA CARDILLO,STUDIO LEXANT

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/06/2024

Nell'episodio 10 della nuova serie di Master Barista Andrea Lattuada - formatore, Maestro di Latte Art e grande esperto di Caffè Specialty - continua il suo percorso dedicato alla figura...

18/06/2024

Sarà interamente dedicato alla cucina sostenibile l'evento targato Rational, in calendario il 19 giugno e organizzato in collaborazione con Cooking Room Milano e Lesto Group. L'appuntamento...

18/06/2024

È Alberto Polojac il nuovo coordinatore nazionale di Sca, Specialty Coffee Association. Il titolare di Imperator srl, importatore triestino di caffè crudo da tre generazioni crudi, direttore di...

A cura di Anna Muzio

18/06/2024

In occasione della Festa della Musica, che si svolgerà il 21 giugno in tutta Europa, Amaro Montenegro lancia #friendshipsong, l'iniziativa che offre la possibilità di creare una colonna sonora...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top