bar

16 Agosto 2020

Voglia di Happy Hour!

di Maddalena Baldini


Voglia di Happy Hour!

Non esistono “barriere” al concetto di convivialità che porta con sé il vino. È storia vecchia… verrebbe da dire, una di quelle tradizioni che da sempre sono intrinseche nella memoria e nelle azioni dei popoli: dalle ataviche terre del Caucaso alle moderne e attrezzate cantine orgoglio dell’Italia e non solo. Il vino ha una sua vita, non può essere interrotta, come ha una sua vita la vigna che porta avanti il suo ciclo senza badare più di tanto a ciò che capita attorno: l’importante che abbia le giuste cure, la giusta pioggia e il sole. Così è per il vino che, una volta in cantina, a prescindere che sia in barrique, in tonneau o già in bottiglia, va avanti nel suo cammino, non si può fermare.

ESPERIENZA CHE UNISCE
«Il vino trascina soprattutto quando diventa la finestra di un territorio – spiega Gabriele Manella, professore dell’Università di Bologna, Dipartimento di Sociologia e Diritto dell’Economia – È opinione comune che gustare un buon vino vuol dire anche conoscere chi l’ha prodotto, la terra dove sono coltivate le viti, la tipologia della vendemmia, come si lavorano le uve in cantina. Oramai si è sempre più orientati su un discorso che mette al primo posto l’esperienza. Questo vale per l’enologia ma per qualsiasi altro prodotto che nasca dalla terra». In ambito sociologico, il vino ha sempre svolto un ruolo fondamentale e questo compito continuerà a svolgerlo; ha una simbologia intrinseca, al di là della mera qualità o dei gusti soggettivi, raccoglie una variegata serie di elementi che spesso vengono dati per scontati ma che, oggi più che mai, parlano ad alta voce, esprimendo il valore assoluto di consuete abitudini o espressioni. Basta citare una frase su tutte: “Ci vediamo per bere qualcosa assieme”, per comprendere quanto possa essere d’impatto, soprattutto se analizzata con gli occhi della situazione odierna: il verbo “bere”, l’avverbio “assieme” e il pronome indefinito “qualcosa” (che sempre si declina in un drink, in un bicchiere di vino o in un caffè), racchiudono il senso della convivialità.

AMICIZIA E FAMILIARITÀ
«Ray Oldenburg, un sociologo statunitense, parlava dell’importanza dei luoghi di ritrovo informali, che lui chiamava third places, perché erano “luoghi terzi” rispetto alla casa e al lavoro – spiega il professore – Io credo che la forza del “bere qualcosa assieme” stia qui, nel piacere di ritrovarsi in “campo neutro”, dove è possibile stare con i propri amici in un clima che è comunque familiare». Amicizia e familiarità diventano sinonimi in un rituale destinato a durare: «Il piacere di stare assieme non vale solo per le grandi città, come per esempio in occasione dell’aperitivo, ma anche nei piccoli centri! In Italia ce ne sono ancora molti e i ritrovi di questo tipo, a volte, sono l’unica possibilità di passare del tempo libero fuori di casa», prosegue Manella. Senza ombra di dubbio la sicurezza sarà una delle priorità, anche all’interno dei locali dove si dovranno rispettare le norme di distanza sociale, la pulizia degli ambienti, il rispetto reciproco, ma la voglia di stare assieme non si esaurirà: è una necessità sostanziale, fa parte della nostra vita, siamo “animali sociali” e il piacere di condividere momenti speciali non verrà mai meno, dovremmo farlo con un certo riguardo, almeno per un po’, ma sedersi a un tavolo e sorseggiare assieme un calice di vino resterà sempre un aspetto importante della nostra vita.

[caption id="attachment_175015" align="alignnone" width="676"] “Ci vediamo per bere qualcosa assieme”: una frase che racchiude il senso stesso della convivialità[/caption]

PIACERE E SOLIDARIETÀ
Un messaggio di positività, utile per dare una spinta a tutto il comparto dell’enogastronomia, comprese le piccole realtà. Serve avere una visione molto ampia, capace di andare oltre le difficoltà del momento affinché un buon bicchiere di vino resti un piacere al quale non rinunciare. La caleidoscopica impronta italiana ci dà una garanzia sulla quale fare leva: «Restiamo fedeli alle origini delle nostre tradizioni, dando il giusto valore ai nostri prodotti, al comparto agroalimentare, al mondo del vino – continua il professore Manella – Sono convinto che l’enogastronomia in generale sarà capace di giocare una partita fondamentale per il Paese, una partita che saprà vincere, facendo scendere in campo non solo la qualità ma anche la solidarietà!». Se Verdi ne La Traviata fa cantare ad Alfredo Libiamo, libiamo ne’ lieti calici/Che la belleza infiora./E la fuggevol ora s’inebrii/A voluttà, allo stesso modo possiamo esprimere la nostalgia per l’happy hour, l’ora felice, che ha segnato e segnerà molti momenti della vita in cui la voglia di condivisione è – e sarà – sempre forte. «I social e la presenza di internet hanno modificato molto il panorama, soprattutto tra i giovanissimi – conclude Gabriele Manella – ma il desiderio di stare assieme sopravvive (e sopravviverà anche questa volta) perché il mondo dell’enogastronomia è sempre stato un collante naturale ». E se il vino rimane il simbolo assoluto della convivialità, un selfie di gruppo con un calice in mano o seduti a un tavolo, sarà guardato con occhi diversi perché starà a significare che siamo di nuovo liberi.

TAG: APERITIVO,HAPPY HOUR,DRINK,APERITIVI,PUBBLICO ESERCIZIO,DOSSIER VINO,APERICENA,MIXER 325,SOCIALITà

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

06/02/2023

È tempo di novità al Flores Cócteles: l’offerta si allarga con la proposta food e la carta cocktail si rinnova con cinque inedite rivisitazioni.“Abbinare cibo e drink ormai è una tendenza...

06/02/2023

D’Amico, insieme a Robo, brand del Gruppo specializzato nella produzione di prodotti per il canale Horeca, rinnova le partnership con 50 Top Italy, 50 Top Pizza e In Cibum – Scuola di Alta...

06/02/2023

Col fine di celebrare il profondo legame con la musica, Jack Daniel’s ha collaborato con Paula Scher, una delle più influenti graphic designer del mondo, per reinterpretare l’etichetta di No. 7...

06/02/2023

Sono 4,1% i vegetariani in Italia, a fronte di 2,3% di vegani e 12,1% di flexitariani ovvero coloro che prediligono un’alimentazione di tipo vegetariana, senza rinunciare ad alimentarsi...

 

Iscriviti alla newsletter!

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

BRAND POST

Ormai da diversi anni il fenomeno dello street food domina le tendenze del settore gastronomico italiano. Tra sperimentazione culinaria e riscoperta delle tradizioni locali, il suo successo ha...


I LUNEDÌ DI MIXER

Nuovo appuntamento con I Lunedì di Mixer.  Questa volta siamo a Medolla (Modena), e siamo ospiti di Menù, impresa leader nella produzione di specialità alimentari destinate alla...


Ultimo appuntamento della stagione con il business coach Pippo Sorrentino. Lo scorso lunedì, 11 luglio, ci ha parlato della composizione di un Team. In questa seconda puntata (lunedì 18 luglio)...


Dopo gli utilissimi consigli nel corso delle scorse puntate, che hanno riscosso grande successo, ritroviamo Pippo Sorrentino, Life & Business Coach, Facilitatore Certificato Lego Serious...


Nuovo appuntamento oggi, 6 giugno, con I Lunedì di Mixer. Questa volta siamo a Pavia, ospiti del BAR PASTICCERIA Gustò, dove Gianluca Malioto, titolare del locale, ci racconta com’è...


Con l'arrivo della bella stagione, complice la rinnovata libertà del post pandemia, i consumatori sono a caccia di proposte avvincenti che soddisfino il palato e regalino anche emozioni. Come fare?...


I VIDEO CORSI

Cofee Experts 2022
Cofee Experts 2021

VIDEOINTERVISTE SIGEP 2023

Le videointerviste di Mixer a Sigep 2023

Stop al caos amministrativo per i locali storici, ora tutelati da una norma Uni che prevede parametri uguali in tutte le regioni d’Italia. “È il primo passo verso un’azione di...

A cura di Giulia Di Camillo


“Senza una vigilanza attiva da parte dell’Autorità di regolazione per Energia, Ambiente e Reti sui fornitori, le misure adottate per mitigare gli effetti del caro bollette rischiano di essere...


L’obbligo di accettare i pagamenti digitali con carta e bancomat, senza incorrere in sanzioni, resta fissato a 60 euro. E' l'ultimo capitolo di una vicenda, quella del tetto per l'utilizzo del...


Stop alla sovrapposizione di norme, albi, elenchi di vario genere e al caos amministrativo. D’ora in avanti i Pubblici esercizi, che vorranno identificarsi come locali storici, potranno avvalersi...


Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, svoltasi lo scorso 25 novembre, imprenditori e imprenditrici di Fipe-Confcommercio, hanno deciso di indossare la maglietta di Vera,...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2023 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it

Top