birra

15 Gennaio 2020

Accise ridotte per i microbirrifici

di Walter Pugliese


Accise ridotte per i microbirrifici

Che la birra piaccia non è una novità. Non sorprende neanche il trend di crescita degli occupati del settore (+5% al 2017, fonte Assobirra) grazie anche alla nascita di molti microbirrifici che hanno ormai superato la soglia di oltre mille unità in tutta Italia. Per incentivare il settore dei piccoli birrifici artigianali, per intenderci quelli con produzione annua inferiore a 10.000 ettolitri (hl), il decreto del MEF del 4 giugno 2019 ha ridotto l’accisa del 40% passando da 2,99 euro per hl e grado-Plato, a 1,794 euro per hl e grado Plato.

MICROBIRRIFICIO E PICCOLA BIRRERIA NAZIONALE: DEFINIZIONE
Per microbirrificio si intende una fabbrica che produce meno di 10.000 hl su base annua e che inoltre deve:
• essere economicamente e legalmente indipendente da altri birrifici;
• utilizzare impianti distinti fisicamente da altri birrifici;
• non operare sotto licenza di utilizzo dei diritti di proprietà immateriale (marchi) altrui;
• produrre tutto il processo di lavorazione integrato, a partire dalla realizzazione del mosto. Incentivate anche le piccole birrerie nazionali ossia le fabbriche di birra munite della licenza fiscale ai sensi del DM 153/2001 che beneficiano dell’aliquota ridotta sulle accise perché producono meno di 10.000 hl di birra e possiedono tutti i requisiti sopra citati per i microbirrifici.

ATTIVAZIONE DI UN MICROBIRRIFICIO
Chi intende creare un microbirrificio, anche per godere delle agevolazioni di accisa, deve presentare alle Dogane competenti per territorio un’istanza indicando:
• la denominazione dell’impresa con tutti i dati identificativi fiscali;
• ogni generalità del titolare;
• la località ove è ubicato l’istituendo microbirrificio;
• la descrizione dei processi di lavorazione, degli impianti per produzione e acquisizione energia;
• la capacità dei serbatoi destinati al contenimento del mosto, dei semilavorati e della birra non condizionata oltre al quantitativo massimo di birra condizionata che si intende realizzare;
• gli strumenti di misura installati per determinare il grado-Plato.
Alla documentazione andranno allegate:
• ogni documentazione catastale relativa al deposito;
• le tabelle di taratura dei serbatoi;
• i tipi di birra da produrre con le relative ricette e materie prime necessarie per una cotta oltre alle rese di lavorazione e il grado-Plato atteso.
Si aggiungerà la dichiarazione di indipendenza fisica e legale da altri birrifici oltre al fatto di non usare licenze e diritti altrui. Ogni variazione ai dati comunicati dev’essere notificata entro 10 gg dall’avveramento. Il soggetto istante potrà anche comunicare la volontà di non detenere birra condizionata presso il microbirrificio in sospensione di accisa coerentemente con l’assenza del magazzino di birra condizionata. Ai fini della determinazione della cauzione prevista dalla legge, la quantità massima di birra che può essere detenuta nel deposito fiscale è calcolata dall’Ufficio Doganale competente con riferimento alla capacità dei serbatoi di birra presenti e al quantitativo massimo di birra condizionata che si intende detenere in regime sospensivo nel magazzino. Effettuate le verifiche tecniche degli impianti con esito positivo, dove possono anche essere eseguiti esperimenti di lavorazione, e constata l’esecuzione delle prescrizioni, l’Ufficio competente autorizza l’istituzione del deposito fiscale e dopo regolare pagamento del diritto di licenza, rilascia la licenza di esercizio di microbirrificio e il relativo codice di accisa. Per la vendita di birra condizionata a paesi UE o extraUE, bisogna dare preventiva comunicazione via pec all’Ufficio competente.

ACCISA RIDOTTA: COME FRUIRNE
Per aver diritto all’accisa ridotta, l’esercente comunica via pec alle Dogane competenti il programma di lavorazione che intende effettuare almeno 24 ore prima della lavorazione, indicando data e ora prevista per ogni cotta; la ricetta da realizzare; il mosto che intende ottenere e il grado-Plato relativo al prodotto finito. Eventuali variazioni andranno comunicate entro 24 ore pria dell’avveramento. L’Ufficio di competenza potrà assistere alle operazioni di fabbricazione potendo prelevare dei campioni. Se il mosto prodotto si discosta del 10% da quello comunicato, se ne dovrà dare immediata comunicazione integrativa. L’accertamento dell’accisa da assolvere viene previsto a prodotto finito, ossia alla fine delle operazioni di condizionamento, contrariamente a quanto avveniva prima quando non si teneva conto dei cali fisiologici di produzione. In caso di superamento del limite anno dei 10.000 hl, l’Ufficio delle Dogane di competenza impartisce le prescrizioni necessarie per consentire di adeguarsi al massimo in un tempo non superiore a 210 giorni.

OBBLIGHI CONTABILI
Gli esercenti microbirrifici devono compilare i seguenti tre registri:
Carico e scarico materie prime amidacee introdotte nel deposito che poi passeranno in produzione;
Registro del mosto ottenuto da ogni cotta, con indicazione delle ricette e dell’acqua impiegata per ogni sanificazione della caldaia e degli impianti;
Registro della birra condizionata che riporti i quantitativi e il tipo di birra condizionata e in relazione allo scarico, i quantitativi di birra condizionata estratti, dal deposito fiscale, per essere immessi in consumo.
Le registrazioni contabili vanno effettuate entro il giorno successivo a quello delle operazioni effettuate.
Almeno una volta all’anno andranno redatti:
• l’inventario fisico delle materie prime, del mosto e della birra condizionata e non condizionata;
• il bilancio di materia con indicazione delle rese di lavorazione;
• il bilancio energetico con indicazione dei consumi di energia e dei combustibili impiegati.

CONSIDERAZIONI
Il mondo dei microbirrifici delineato è costituito di persone che spesso hanno fatto della loro passione un’occasione di lavoro. Auspichiamo un maggiore snellimento procedurale oltre alla stabilità di incentivi che possa far crescere e sviluppare questo settore economico nato da pochi anni e che deve combattere contro la concorrenza di multinazionali e culture di altre nazioni con storie secolari.

Il dr. Walter Pugliese risponde alle domande inoltrate a: info@studiowpugliese.it che verranno pubblicate sui prossimi numeri del mensile. Chi volesse inviare le domande autorizza MIXER a pubblicare i suoi riferimenti (nome, cognome, indirizzo e-mail) a meno di esplicita richiesta contraria. 
Studio Walter Pugliese

tel. 02/36755000
fax 02/83428751
info@studiowpugliese.it

TAG: ACCISE,COMMERCIALISTA,BIRRERIA,BIRRIFICIO,BIRRIFICI,IL COMMERCIALISTA,LA PROFESSIONE,CONTABILITà,MIXER 320,MICROBIRIFFICI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

14/06/2024

L'appuntamento è per venerdì 14 giugno alle ore 18:30 presso il Convivium Bar di Monaci delle Terre Nere alle pendici dell'Etna. In collaborazione con Campari Academy, Salvatore Calabrese metterà...

14/06/2024

Destinazione: World of Coffee Copenaghen, Bella Center, dal 27 al 29 giugno 2024. E occhi puntati sulla delegazione italiana che gareggerà nei campionati mondiali SCA, gli ultimi che mancano da...

A cura di Anna Muzio

14/06/2024

Con l'arrivo del mese di giugno riparte Mare Mio by Gin Mare, l'iniziativa condivisa con Marevivo – Fondazione Ambientalista ETS che mira a proteggere e preservare la bellezza e la vita del Mar...

14/06/2024

Chi l’ha detto che in Italia i giovani non lavorano? Anche se i numeri lo dicono con certezza – 2,1 i milioni di Neet (i 15-34enni che non studiano né hanno un impiego) nel nostro Paese e solo...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top