Surgiva premia la delegazione Ais di Genova

La delegazione Ais di Genova si aggiudica la settima edizione del Premio Surgiva. Consegnato in occasione del 53° Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier, che si è svolto dal 22 al 24 novembre a Verona, il premio conferma la lunga collaborazione di Surgiva con Associazione Italiana Sommelier, di cui è l’acqua ufficiale, e vuole evidenziare il ruolo dei sommelier come ambasciatori del buon bere, celebrando la delegazione regionale che più si è distinta in attività significative nella diffusione della cultura dell’acqua e del vino e in iniziative di particolare rilievo nell’ambito sociale.

In questa edizione è stata la delegazione di Genova ad ottenere il premio per le moltissime attività organizzate nel corso dell’anno: da un ciclo di incontri sulla Viticoltura Eroica a uno dedicato al tema del vino legato all’arte e alla storia, fino a iniziative solidali, nonché ad un incontro dedicato alle Acque Minerali.

Nello specifico, si è deciso di assegnare il premio a questa delegazione per gli incontri: “Sori Solidale” a sostegno dell’Associazione Gigi Ghirotti Onlus per l’assistenza ai malati terminali, “L’acqua bevuta moderatamente non fa male”, degustazione di acque in abbinamento a cibi, il cui ricavato è stato devoluto all’Associazione Save the Children per l’acquisto di filtri depuratori per le popolazioni dell’Africa e, infine, “Sapori della Valle”, iniziativa di promozione della cultura enogastronomica in Valpolcevera, a sostegno dell’area produttiva colpita dal crollo del Ponte Morandi.

Il premio, consegnato il 23 novembre da Camilla Lunelli – Responsabile Comunicazione del Gruppo Lunelli – alla delegata di Genova Maria Livia Merlo, consiste in una fornitura gratuita per un anno di Surgiva e, soprattutto, in una visita in Trentino per conoscere da vicino le origini di Acqua Surgiva, visitando le sue fonti nel Parco Naturale Adamello Brenta.

In questa occasione, la Delegazione avrà la possibilità di avvicinarsi all’intera storia del Gruppo Lunelli, di cui Surgiva è parte, visitando le Cantine Ferrari, dove le bollicine Trentodoc riposano sui lieviti in attesa di raggiungere la loro massima espressione, e degustando i piatti dello chef Edoardo Fumagalli a Locanda Margon, ristorante stellato della Famiglia Lunelli. L’esperienza, un vero e proprio percorso all’insegna del Bello e del Buono, comprende anche una tappa alla cinquecentesca Villa Margon, sede di rappresentanza del Gruppo dell’Eccellenza del Bere.