Saw This Made This, la creatività secondo Bombay Sapphire

Ispirazione, mixology, arte, colori – blu su tutti, naturalmente – espressione e scambio di idee. Torneria Tortona, a Milano, è stata la cornice di Saw This Made This – The Exhibition, l’appuntamento italiano della campagna internazionale di Bombay Sapphire volta a stimolare attraverso community e partner il potere della creatività.

Saw This Made This è la formula che sta alla base di ogni processo creativo: vedere un elemento nel mondo e trarne ispirazione per creare qualcosa di unico. A dare il la alla campagna globale Stmt il regista Baz Luhrmann attraverso la domanda – The world is a gallery: what do you see? – divenuta concept dell’evento e spunto del video che ha alzato il sipario sulla galleria d’arte siglata Bombay Sapphire con le opere inedite di giovani creator.

In Space Sky Bubbles, Giotto Calendoli è partito da una bolla di sapone per creare un pianeta che fluttua nel cosmo, Federica di Nardo ha racchiuso nello scatto Turning Wave il moto ondoso e Cristina Musacchio ha trasformato un vaso di orchidee in una riflessione sulle identità.

Paolo Stella, direttore creativo di Bombay Sapphire

Le tre opere hanno costituito lo spunto per la nuova Artist Edition di Bombay Sapphire, svelata durante l’evento e firmata dallo scrittore e direttore creativo Paolo Stella.

Da due anni, con Bombay Sapphire esploriamo il mondo della creatività – ha spiegato lo scrittore e direttore creativo Paolo Stella -. Per questa edizione ci siamo posti l’obiettivo sfidante di dimostrare che l’ispirazione è ovunque. Bisogna imparare a guardare il mondo con occhi sempre diversi, con lo sguardo della creatività, trovando lo straordinario nell’ordinario per far scoccare la scintilla alla base di opere d’arte”.

L’impegno di Bombay Sapphire con la creatività nasce ufficialmente nel 2018 con il lancio della campagna Stir Creativity e l’obiettivo internazionale di far sì che tutti possano liberare il proprio potenziale. Oggi, attraverso Give back to creativity, ha anche un risvolto formativo: il ricavato della vendita delle bottiglie Artist Edition supporterà il finanziamento di un progetto speciale giovanile nell’ambito del design. L’esposizione di Fragmentos di Laura Gutierrez nel corso della serata milanese è stata infatti la prima fase di una collaborazione tra il brand e Domus Academy volta a realizzare uno spazio fisico per i creativi di domani.