attualità

16 Gennaio 2023

È a Brusaporto (Da Vittorio) la prima vertical farm al mondo per l’alta ristorazione

di Anna Muzio


È a Brusaporto (Da Vittorio) la prima vertical farm al mondo per l’alta ristorazione

Dagli oblò dalla luce viola nel parallelepipedo rivestito con assi di larice si scorge un mondo tra il magico e lo spaziale, dove piccole piante germogliano su minuscoli dischi organici sotto lampade colorate. Siamo Da Vittorio a Brusaporto, dal 2010 tristellato Michelin, dove è nata la prima vertical farm al servizio dell’alta ristorazione.

Qui, come ci spiega l’agronomo Daniele Cinquanta, che da solo gestisce la farm insieme a un robot semovente utilizzato per rilevare dati - vengono coltivati le erbe e gli ortaggi che finiranno nelle cucine dei fratelli Cerea. Una cinquantina, in costante sperimentazione. 

Dal giardino alla tavola in poche decine di metri e con alcuni indubbi vantaggi: la freschezza, certamente perché basilico, rapanelli o rucola wasabi, erbe aromatiche, baby-leaves e micro-greens arrivano in cucina ancora sul loro substrato spugnoso (una miscela pensata su misura per ogni varietà per ottenere una crescita ottimale), per venire tagliati solo al momento in cui serviranno.

La disponibilità in tutte le stagioni senza dover ricorrere all’aereo per arrivar dall’altro capo del mondo, perché questa serra iper tecnologica lavora con luci artificiali - arrivano dall’Olanda - e temperatura e umidità controllate. E soprattutto la totale assenza di componenti chimici, fertilizzanti o pesticidi perché le piante nascono in un ambiente incontaminato (filtri purificatori dell’aria fanno da barriera all’ingresso di parassiti, muffe e microorganismi indesiderati e li rendono dunque inutili), ma questi vegetali non possono essere certificati biologici perché non crescono in terra ma in un substrato organico, e quindi non rientrano nel disciplinare.

Anche se, di fatto, non sono, come le coltivazioni in campo, soggette a contaminazioni da campi vicini, venti o piogge acide.

A Cavenago la più grande d’Europa
Il progetto, che ha impiegato un anno di lavoro con un investimento di oltre un milione di euro (i primi virgulti sono usciti dalle doppie porte di controllo della mini-farm, che amplificano la sensazione di trovarsi in una navicella spaziale, lo scorso settembre) nasce dalla partnership tra i fratelli Cerea, proprietari di Da Vittorio, e Planet Farms, tra le maggiori realtà di vertical farming creata dagli imprenditori Luca Travaglini e Daniele Benatoff. 

Il progetto di Da Vittorio infatti riproduce in piccolo la tecnologia sviluppata da Planet Farm nella vertical farm di Cavenago (BG) la più grande d’Europa. Qui, grazie a una tecnologia sviluppata ad hoc, costantemente monitorati da un’intelligenza artificiale, vengono coltivati il basilico, le insalate e i cavoli Kale e Pok Choi già disponibili nella Gdo, con un lavoro interamente robotizzato, dalla semina all’imbustamento, senza (contaminante) presenza umana.

I prodotti Planet Farms sono già utilizzati da alcuni ristoranti milanesi come Remulass e Ratanà, ma in un prossimo futuro la volontà è di puntare sul canale HoReCa proponendo i propri prodotti freschi, non lavati, disponibili tutto l’anno e sostenibili.

Planet farm, sta già lavorando a espandersi in Europa, con una nuova vertical farm nei pressi di Londra, il progetto in fase più avanzata, e un’altra presso il lago di Como. Obiettivo: portare l’agricoltura vicino al consumatore, riducendo i costi – anche ambientali – di trasporto. E qui l’agricoltura del futuro? A Planet Farms sono convinti di sì.

TAG: DA VITTORIO,PLANET FARMS,VERTICAL FARMING

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/04/2024

Drink con il vino (e lo champagne) tra gli ingredienti base: come hanno rilevato numerose survey è questa una delle principali tendenze del 2024 della mixology internazionale sulla cui scia...

15/04/2024

Sostenibili a tavola? Un desiderio comune. Anche tra gli utenti di TheFork, l’app per la prenotazione che gestisce 20mila ristoranti in tutta Italia. Di questi, 1133 segnalano la proposta di piatti...

A cura di Anna Muzio

15/04/2024

Raddoppio a Milano per La Esse Romagnola: al ristorante di via Tortona ora si aggiunge la nuova apertura nel quartiere Isola, in via Ugo Bassi 14, ai piedi di "Primo", il building di 8.500 metri a...

15/04/2024

Italia senza vino? Quali sarebbe le conseguenze perla nostra economia? E ancora: in che misura gli allarmismi europei stanno danneggiando il comparto? Ad analizzare l'impatto in caso di un'ipotetica...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top