attualità

15 Maggio 2024

Igiene e sicurezza dei locali, FIPE: “Bene il decreto, ma i controlli devono essere più efficaci”

di Giulia Di Camillo


Igiene e sicurezza dei locali, FIPE: “Bene il decreto, ma i controlli devono essere più efficaci”

Quello dell’igiene e della sicurezza è un tema assai caro ai pubblici esercizi, ogni anno sottoposti a qualcosa come oltre 171mila controlli. Per questo, sotto il segno della collaborazione e con un approccio che vuole essere più costruttivo e lungimirante, il governo è al lavoro sullo schema di decreto legislativo (sono in corso i pareri parlamentari) per giungere alla semplificazione delle operazioni di controllo sulle attività economiche e su cui è intervenuto in Audizione in commissione IX del Senato e X della Camera il direttore generale di Fipe-Confcommercio Roberto Calugi.

Sono diverse le novità contenute negli undici articoli del decreto (atto n° 150), approvato in via preliminare lo scorso dicembre. Il principio guida è quello del controllo collaborativo, che deve guidare le imprese nello svolgimento corretto delle loro attività più che produrre sanzioni per chi non è in regola. Il tessuto imprenditoriale, di conseguenza, dialogherà con le pubbliche amministrazioni e si punterà il mirino dove il rischio è più elevato, alleggerendo l'onere regolatorio nei settori a rischio minore. «Una riforma sfidante e innovativa, attesa da oltre 10 anni. Il governo è dalla parte di chi produce, al fianco delle imprese, avanti su questa strada», aveva dichiarato il ministro Adolfo Urso in fase di approvazione preliminare dello schema di decreto legislativo.

IL REPORT DI BASSO RISCHIO

«La federazione - ha commentato Calugi - esprime apprezzamento per gli obiettivi del disegno di legge, ma permangono alcune perplessità sull’efficacia degli strumenti individuati nel testo». In modo particolare, FIPE fa riferimento all’istituzione di un report certificativo del basso rischio su base volontaria (indicato nell’articolo 3), riferito ai seguenti ambiti omogenei: protezione ambientale; igiene e salute pubblica; sicurezza pubblica; tutela della fede pubblica; sicurezza dei lavoratori. Per Calugi «si tratta di un’operazione suscettibile di aggravare costi a carico delle imprese, soprattutto quelle di micro e piccola dimensione». Si rischierebbe, paradossalmente, anche di duplicare controlli. Oltre a quelli ordinariamente svolti dalle pubbliche amministrazioni, le imprese si vedrebbero esposte inoltre a periodici audit da parte degli enti certificatori.

I CONTROLLI E IL NODO ESONERO

La federazione dei pubblici esercizi si dice poi scettica sul periodo di sei mesi individuato per l'esonero dai controlli nei confronti delle imprese che hanno già ricevuto un giudizio di conformità (articolo 5): «Non è sufficiente per garantire un effettivo e concreto vantaggio, come sottolineato anche dal Consiglio di Stato. È necessario istituire un sistema di controlli mirato e votato all’efficienza, fondato sulla prevenzione degli illeciti piuttosto che solo sulla loro repressione e, come FIPE mettiamo la nostra esperienza a disposizione per la definizione di un nuovo paradigma, oggi più che mai urgente», ha aggiunto il direttore generale.

Quello dei controlli è un tema caro a FIPE, che si è sempre spesa per assicurare un’informazione corretta con iniziative importanti, come il Vademecum Ispezioni del 2019 che ha permesso di rendere trasparenti e chiari per le imprese i loro diritti e i loro obblighi in sede di controlli creando un circolo positivo di collaborazione. «Il nostro impegno - ha continuato Calugi - ha l’obiettivo di favorire un dibattito costruttivo che miri a ridurre l’impatto delle ispezioni, migliorandone l’efficacia».

Ogni anno, infatti, le imprese del settore sono sottoposte a più di 171mila controlli, effettuati da una vasta pluralità di soggetti che spesso provoca la sovrapposizione e la ripetizione degli accertamenti. Il metodo del controllo a campione non garantisce la massima efficacia e comporta un ingente dispendio di risorse pubbliche, dati gli esiti delle verifiche: per quanto riguarda le ispezioni igienico-sanitarie del settore dei pubblici esercizi la stragrande maggioranza risultano conformi.

Sempre seguendo il principio di collaborazione viene introdotta, per alcune fattispecie meno gravi e di carattere formale, una sorta di “diritto all’errore scusabile” (articolo 6): si tratta dell’obbligo della previa diffida, così da consentire agli imprenditori in buona fede di sanare le proprie posizioni, con riferimento a infrazioni che non recano danno all’interesse pubblico, e tornare al pieno rispetto delle regole senza incorrere in sanzioni che saranno invece aggravate se la diffida non verrà ottemperata dall’operatore.

FORMAZIONE DEL PERSONALE

All’articolo 8 dello schema di decreto, la presidenza del consiglio dei ministri, d’intesa con il ministero delle Imprese e del Made in Italy, definisce un piano di formazione specifica del personale, da erogare nei limiti delle risorse finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente attraverso la Scuola nazionale dell’amministrazione

Si può contribuire alla formazione iniziale e periodica del personale preposto ai controlli anche con forme di convenzione con le università, le camere di commercio e le associazioni di categoria.

TAG: ROBERTO CALUGI,FIPE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/07/2024

A dieci anni dalla nascita e con diversi riconoscimenti nazionali e internazionali all'attivo, 50 Kalò raddoppia e apre una nuova pizzeria in Piazza della Repubblica, a Napoli. Concepita da Ciro...

12/07/2024

Meno del 10% delle imprese italiane della ristorazione utilizza un sistema di ordini e pagamenti integrato a supporto del proprio business. L'obiettivo è ridurre tempi di attesa e...

12/07/2024

A settant'anni dalla scomparsa avvenuta il 13 luglio 1954 il drinksetter di Anthology by Mavolo Riccardo Campagna omaggia Frida Kahlo con il cocktail Colibrì.

12/07/2024

Si chiude sostanzialmente in pareggio, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, il primo semestre del 2024 per il Pinot Grigio del Nordest, con un volume pari a circa 900mila ettolitri e...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top