pubblici esercizi

07 Dicembre 2022

Locali storici, arriva la norma Uni: cosa c'è sul tavolo del governo

di Giulia Di Camillo


Locali storici, arriva la norma Uni: cosa c'è sul tavolo del governo

Stop al caos amministrativo per i locali storici, ora tutelati da una norma Uni che prevede parametri uguali in tutte le regioni d’Italia. “È il primo passo verso un’azione di valorizzazione di un inestimabile patrimonio del Paese”, ha dichiarato Alessandro Cavo, Presidente dell’Associazione Gli Storici aderente a Fipe Confcommercio.

Fino a questo momento, a inquadrare le attività storiche sono state prevalentemente Regioni e Comuni, con Unioncamere che in un suo registro specifico inserisce tutte quelle operative da almeno 100 anni. La norma Uni 11891-1 – illustrata nel corso di un seminario tecnico nella sede Fipe di Roma – stabilisce che tra le caratteristiche principali che i locali devono avere per poter essere riconosciuti come storici ci sono l'aver mantenuto al loro interno gli arredi originali ed essere in attività da almeno 70 anni. “Era importante essere identificati come comparto a sè della ristorazione italiana, che ha delle sue specificità e criticità rispetto ai costi di gestione più elevati che richiede – ha spiegato Cavo a Mixerplanet Questo ci porterà ad avere poi dei riconoscimenti da parte delle pubbliche amministrazioni, siano esse centrali o decentrate, che consentono a questi locali di essere consegnati alle generazioni future in modo adeguato”.

Cavo: “Ora sta a noi richiedere misure ad hoc, anche economiche”

Di fatto, dunque, la norma riesce finalmente a compattare il segmento dei locali storici. Solo in Lombardia, stando ai dati Fipe, si contano ben 765 pubblici esercizi storici; a seguire il Veneto (500) e l'Emilia Romagna (155). “Abbiamo nelle mani un patrimonio da tutelaremettendolo al centro delle politiche di sviluppo del turismo di qualità e delle politiche delle nostre città, consapevoli che l’esperienza in queste strutture non è solo di consumo ma è un tuffo nella storia e nella cultura del Paese – ha aggiunto il presidente de Gli Storici – Ora sta a noi, come sindacato, andare a richiedere al legislatore e all'esecutivo di operare in maniera tale che queste attività possano avere dei riconoscimenti ad hoc, anche di tipo economico”. 

Sui tavoli istituzionali il credito d'imposta e un fondo circolare

Quali? Per prima cosa, Alessandro Cavo mette sul tavolo il credito d'imposta sui restauri dei locali storici e sugli adeguamenti normativi tra sostenibilità ed energia, in quanto intervenire su questa tipologia di struttura comporta spese assai ingenti. “Inoltre – ha concluso Cavo – tra le nostre idee, che non sono poche, c'è sicuramente quella di richiedere un fondo circolare per permettere ai gestori di acquistare ove possibile gli immobili dove sono ospitati i locali, in maniera tale da mettersi al riparo anche da interventi speculativi da parte dei proprietari che potrebbero pensare di andare ad affittare a grandi catene o multinazionali della moda o quant'altro”.

La norma Uni 11891-1 è stata frutto del lavoro promosso negli ultimi mesi da Fipe e dall’Associazione Gli Storici Caffè che ha visto la costituzione di un tavolo con il ministero delle Imprese e del Made in Italy, Confcommercio, l’Unione Consumatori, Uniter e Uni. La stessa Uni, come ha affermato il presidente Giuseppe Rossi, “considera la nuova norma uno strumento che concorre a elevare il livello dell’offerta turistica, culturale e alimentare italiano e garantire quell’esperienza tipica dello stile di vita made in Italy”.

TAG: CAFFè DIEMME,MARCO BERETTA,ALESSANDRO CAVO,GLI STORICI,GIUSEPPE ROSSI,UNI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

È Leidy Yulieth Arias Aguirre la prima finalista dell’Espresso Italiano Champion, il campionato nazionale che vede sfidarsi i migliori baristi in prove di qualità e abilità.La giovane barista di...

12/04/2024

Dalle Alpi Marittime alle giacche a vento degli atleti di sport invernali italiani: è il nuovo viaggio intrapreso da Acqua San Bernardo che ha presentato ieri ad Alba la partnership triennale con...

A cura di Anna Muzio

12/04/2024

Anche la brewery veronese Legend Kombucha rivolge l'attenzione al segmento no/low alcol e lo fa con la nuova bevanda analcolica "Contaminazioni" che presenterà attraverso il...

12/04/2024

È italiano il trionfatore della finale Global di The Vero Bartender 2024, la competizione internazionale promossa da Amaro Montenegro e ideata da Armando Testa, che si è svolta al Sympò di...

 

Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top