05 Dicembre 2019

Migliora l'impronta di carbonio dell'industria Ue del cartone


Migliora l'impronta di carbonio dell'industria Ue del cartone

Stando allo studio Carbon Footprint of Carton Packaging 2019, condotto dall'Istituto di Ricerca Svedese (Rise) in collaborazione con Pro Carton, associazione europea che riunisce i produttori di cartone e cartoncino, in Europa vengono emessi 326 kg di CO2e per tonnellata di cartoni trasformati, prodotti dall'industria degli imballaggi di cartone.

Il Rise ha utilizzato una metodologia di impronta di carbonio che tiene conto di tutte le emissioni e gli assorbimenti associati ai prodotti forestali, compresi aspetti specifici della catena del valore dell'industria forestale. La ricerca copre l'impatto del carbonio in tutto il suo ciclo di vita, tenendo conto sia delle emissioni di gas serra derivanti da fonti fossili non rinnovabili, come il petrolio e il carbone, sia le emissioni biogeniche di gas serra e quelle provenienti da fonti rinnovabili, come piante e alberi, nonché gli assorbimenti e le emissioni direttamente derivanti dal cambiamento della destinazione d'uso del terreno.

Questa metodologia di indagine, significativamente diversa e più ampia di qualsiasi altra metodologia mai utilizzata, è anche in linea con le più recenti direttive Cepi e Citpa. Pertanto, la nuova cifra non può essere comparata in modo diretto con altri studi precedenti. Tuttavia, è stato effettuato un confronto utilizzando la vecchia metodologia che ha dimostrato che, a parità di condizioni, l'industria ha migliorato la propria impronta di carbonio di circa il 9% rispetto all'ultimo rapporto pubblicato nel 2015.

“La nuova metodologia presentata in questo rapporto è completa perché riconosce pienamente l'impatto del carbonio durante tutto il ciclo degli imballaggi di cartone, dalla foresta ai cartoni trasformati. Fa parte di un più ampio rapporto sui dati ambientali e queste informazioni saranno messe a disposizione per essere esaminate dagli esperti di LCA. I cartoni sono una delle forme di imballaggio più ecocompatibili e siamo lieti che il nuovo dato sull'impronta di carbonio lo confermi ulteriormente”, spiega Tony Hitchin, Direttore generale di Pro Carton.

Il cartoncino è una materia prima rinnovabile capace di immagazzinare carbonio e il riciclaggio ritarda la restituzione di Co2 nell'atmosfera. Secondo il censimento europeo dei gas serra, le foreste dei 28 paesi dell'Ue sono autentici depositi di carbonio, con un assorbimento di Co2 che tra il 1990 e il 2014 è aumentato di oltre il 19%.

TAG: INDUSTRIA CARTONE,IMPRONTA CARBONIO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook Seguici su Instagram

Oppure rimani sempre aggiornato sul mondo del fuori casa iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

24/06/2024

Tutela del patrimonio regionale, della semplicità e attenzione alla stagionalità degli ingredienti: sono tutti qui gli elementi chiave del nuovo menu estivo di Daniel Canzian,...

24/06/2024

Con 3.085 tagliandi, Franco Gallamini del Bar Rita di via Ravegnana, a Ravenna, si conferma il barista più votato della provincia, come avvenuto già lo scorso anno, conquistando il primo...

24/06/2024

Si chiama Wingman la nuova session IPA del birrificio scozzese BrewDog: a caratterizzarla sono frutti tropicali, le note di pino e l’intenso aroma agrumato. Il risultato è una birra rinfrescante,...

24/06/2024

Un nuovo progetto a 360° gradi che, attraverso la ristorazione e le filiere che le girano intorno, si impegna a valorizzare il territorio di Cavallino Treporti (Ve) e della laguna di Venezia. Si...

 


Una soluzione di filtrazione ad alte prestazioni in grado di soddisfare le esigenze principali nelle cucine professionali quando si parla di vapore e lavaggio. Si chiama BRITA...


Intelligente e interconnesso, capace di assicurare non solo una protezione ottimale delle macchine da caffè, ma anche una qualità costante in tazza e un servizio più efficiente. Sono i 'plus'...


Iscriviti alla newsletter!

I PIÙ LETTI

È andata all'amaro Amara la medaglia d'oro della Spirits Selection del Concours Mondial de Bruxelles: il riconoscimento, ottenuto a due anni di distanza da quello al World Liqueur Awards, è frutto...


I VIDEO CORSI







I LUNEDÌ DI MIXER

Si sente spesso dire che tra gli ingredienti fondamentali per il successo di un pubblico esercizio ce n’è uno non certo facile da reperire: l’esperienza. Se è così, allora Tripstillery va sul...


Altro che Roma e Milano: i cocktail bar piacciono e funzionano anche in piazze lontane dai circuiti classici dei grandi centri urbani e delle località turistiche famose. La prova più eclatante è...


Dal 2001 Christian Sciglio e Guido Spinello si sono dati una missione: far vivere un’esperienza autentica di una casa del Sud Italia, e precisamente siciliana, accogliendo al meglio i clienti nel...


Quanto ne sappiamo noi italiani di grappa? Troppo poco, a giudizio di Leonardo Pinto di Grappa Revolution, che in questa puntata de Il Lunedì di Mixer ci spiega come viene definito – in base...


In qualsiasi drink list che si rispetti è indispensabile inserire dei cocktail analcolici, così da rispondere alle attese di chi per motivi religiosi, di salute, culturali o semplicemente perché...



Quine srl

Direzione, amministrazione, redazione, pubblicità

Tel. +39 02 864105 | Fax +39 02 72016740 | P.I.: 13002100157

©2024 - Tutti i diritti riservati - Responsabile della protezione dati: dpo@lswr.it
Privacy Policy

Top