Julius Meinl offre un caffè ai milanesi che si dedicano una poesia

credits: www.facebook.com/romediastudio

Fra gli oltre 26 milioni di tazzine di caffè bevute ogni giorno nei bar italiani, quante avranno incorniciato una grande amicizia? In occasione della Giornata Mondiale del Caffè lunedì 1 ottobre, il caffè viennese dei poeti Julius Meinl invita i milanesi ad incontrarsi “offline” con il potere della poesia davanti alla bevanda più amata e condivisa di sempre. “Meet with a Poem” festeggia così il magico rituale del caffè come momento di scambio reciproco, guardandosi negli occhi a chat spente: nelle caffetterie Julius Meinl aderenti all’iniziativa tutti gli amici che scriveranno insieme una poesia riceveranno in cambio un caffè in omaggio, mentre chi è solo potrà lasciare un caffè e un verso “sospeso” … e le 10 poesie più belle saranno trasformate in canzoni!

Ecco la lista dei locali:

• Terrezza Martini Piazza Diaz, 7
• Carlsberg Ol Bastioni di Porta Nuova 9
• Bar Gioia Viale Sondrio 2
• Caffè de Amicis Via Edmondo De Amicis, 61
• Milano Caffè Piazzale Durante 16

Gli amici di Milano, potranno candidarsi per un esclusivo Poetry Party a base di musica live e tante sorprese postando il proprio componimento su Facebook in anteprima. I cinque autori dei versi più emozionanti riceveranno un invito esclusivo per due persone per un esclusivo brunch presso la Terrazza Martini: special guest la famosa musicista Elsa Martignoni, una vera artista del violino!

L’evento aderisce inoltre a MilanoCaffè, la prima edizione della kermesse dedicato al mondo del caffè, dell’espresso e della caffetteria italiana per promuovere la cultura della bevanda.
Se la comunicazione online spesso ci lascia isolati, con “Meet with a Poem” Julius Meinl incoraggia gli amici di oltre 25 paesi a celebrare la propria amicizia davanti a un buon caffè, per godersi insieme un momento offline ed esprimersi grazie al potere della poesia.

A confermare questo ritorno a rapporti più “veri”, una ricerca condotta da Ampere Analysis su novemila ragazzi tra i 18 e i 24 anni afferma come stia cambiando tra i più giovani l’utilizzo dei social network: se nel 2016 erano 66 su cento a sostenere che Facebook &co fossero importanti per la propria vita, nel 2018 questa percentuale è calata al 57%. JP Cooper, il cantautore britannico celebre per la hit “She’s on my mind” e Ambassador della torrefazione viennese, conosce bene l’importanza della parola come veicolo di emozioni, disegnando da sempre parallelismi tra la scrittura di canzoni e la poesia. JP commenta: “Non è un segreto che i social media ci diano un falso senso di connessione, incoraggiandoci a comunicare con frasi ed emoticon scritte a metà. È facile perdere di vista il potere del linguaggio quando comunichiamo su WhatsApp o tramite SMS, e spero che Meet with a Poem aiuti le persone a portare l’amicizia nel mondo reale per costruire connessioni più forti e più sentite. ”

Per scoprire come è possibile partecipare, visita il sito www.meinl.it e la pagina Facebook di JuliusMeinlItalia.

#MeetWithAPoem
#PoetryForChange