Prima colazione, numeri in crescita

In 30 anni si sono ingrossate le file dei fan del primo pasto del mattino. Se una volta la colazione al bar era appannaggio di uomini che spesso bevevano solo un caffè veloce, oggi i tempi e i consumi si dilatano. Si dedica più tempo a questo momento ritenuto fondamentale dai nutrizionisti, che consigliano di assumere il giusto quantitativo di calorie. E gli italiani hanno risposto. Secondo Istat, dal 1993 al 2012 la colazione è diventata un pasto “adeguato” per l’82% degli italiani, in crescita dal 66,8%. Oggi questa percentuale ha superato il 90%. E per il futuro si può ben sperare perché in prima fila ci sono i giovani: fa colazione il 98% dei ragazzi (15-24 anni), contro l’84% del 2013. Per Eurisko il 92% degli italiani fa un qualche tipo di colazione e tra questi 25 su 100 optano per cappuccio e brioche al bar. Fipe “conta” cinque milioni di persone che ogni giorno fanno colazione al bar, scegliendo soprattutto caffè, cappuccino e brioche, con una spesa media di 2,50 euro.

Prima colazione: la rivincita delle donne

La colazione italiana sembra rimasta immutata. Ma è proprio così?