Catering sociale, il valore aggiunto di un’immagine positiva

Per chi lo sceglie è un formidabile strumento di impatto e di immagine positiva: è il catering sociale, che non ha nulla da invidiare a quello tradizionale in termini di professionalità, servizi e qualità. “La nostra filosofia – ci spiega Caterina Bossi di Càoté (che fa parte della cooperativa sociale La Cordata di Milano) – abbraccia valori quali la sostenibilità, la filiera corta e la stagionalità dei prodotti. Utilizziamo materiali biodegradabili e fornitori lombardi. Il nostro stile? Semplicità ed eleganza”. Dietro tutto questo però c’è di più: chi sceglie un catering sociale dà lavoro a persone, a vario titolo e per diversi motivi, svantaggiate che possono reinserirsi nel mondo del lavoro, riacquistando la dignità perduta. Un valore aggiunto, dal sapore particolarmente gustoso.

Catering: anche i bar fiutano l’affare

Catering a tutto vegan